BOT, CTZ, CCT, BTP, e BTP€i sono Titoli di Stato emessi in Italia dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. I Titoli di Stato sono strumenti finanziari considerati estremamente sicuri. In realtà, contengono inevitabilmente elementi di rischio, che però sono molto minori rispetto agli investimenti azionari o obbligazionari: infatti, il rischio che l’emettitore non sia in grado di saldare il debito alla scadenza sono relativamente bassi. Vi sono comunque rischi collegati all’investimento in Titoli di Stato: innanzi tutto legati al fatto che il rendimento del titolo non “batta” l’inflazione, oppure che il cambio nel tempo diventi sfavorevole (se si parla di titoli di stato esteri).

In Italia sono presenti cinque tipi di titoli di Stato:

  • BOT – Buoni Ordinari del Tesoro
  • CTZ – Certificati del Tesoro Zero Coupon
  • CCT – Certificati di Credito del Tesoro
  • BTP – Buoni del Tesoro Poliennali
  • BTP€iBuoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’inflazione Europea

BOT, CTZ, CCT, BTP, BTP€i si contraddistinguono in base ad alcune caratterisitche

  • durata
  • tipo di remunerazine per l’investitore
  • eventuale indicizzazione all’inflazione

I BOT (Buoni Ordinari del Tesoro), sono Titoli di Stato a breve scadenza (3, 6 o 12 mesi), dove non è prevista alcuna cedola intermedia: il guadagno per l’investitore deriva unicamente dallo scarto di emissione – la differenza tra il prezzo d’acquisto e quello che lo Stato si impegna a pagare alla scadenza. Con un esempio, compro a 98 un BOT di 100: alla scadenza ho guadagnato 2.

Molto simili ai BOT sono i CTZ (Certificati del Tesoro Zero Coupon): il meccanismo di remunerazione è infatti esattamente lo stesso (basato sullo scarto di emissione), e differiscono dai BOT solamente per la durata, che per i CTZ è di 2 anni.

I CCT (Certificati di Credito del Tesoro) hanno una durata di 7 anni, e si caratterizzano perché oltre allo scarto di emissione, e al contrario di BOT e CCT “staccano” semestralmente delle cedole il cui valore è indicizzato al rendimento dei BOT (l’indicizzazione è calcolata attualmente sulla base del rendimento dei BOT semestrali più lo 0,15%).

I BTP (Buoni del Tesoro Poliennali) invece hanno attualmente durata di 3, 5, 10, 15 o 30 anni, e prevedono anch’essi una cedola. Al contrario dei CCT, però, i BTP prevedono cedole fisse.

Molto simili ai BTP sono i BTP€i (Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’inflazione Europea): hanno durata di 5, 10, o 30 anni e differiscono dai BTP per il fatto che sia capitale che cedole vengono rivalutate moltiplicandone il valore per un “coefficiente di indicizzazione” basato sull’indice Eurostat, che misura l’inflazione nei Paesi dell’area Euro.

Riepilogando il tutto in una tabellina sintetica:

Titolo

Durata

Remunerazione

BOT

3, 6 e 12 mesi

  • Scarto d’emissione

CTZ

24 mesi

  • Scarto d’emissione

CCT

7 anni

  • Cedole variabili semestrali
  • scarto d’emissione

BTP

3, 5, 10, 15 e 30 anni

  • Cedole fisse semestrali
  • scarto d’emissione

BTP€i

5, 10 e 30 anni

  • Cedole “reali” (indicizzate all’inflazione) semestrali
  • scarto d’emissione
  • rivalutazione del capitale

.
Alcuni post sull’argomento che potreste trovare interessanti:

  • 18/10/2012   Titoli di stato in circolazione
    I titoli di stato (e lo spread) sono ormai da tempo un argomento principale non solo delle pagine economiche, ma anche di quelle di cronaca. Ecco qualche grafico sui titoli di stato in circolazione, sulla base dei dati resi pubblici dalla Banca d’italia...

  • 14/07/2012   Grafico: rendimento BOT, aggiornamento luglio 2012
    Il rendimento dei BOT, e dei titoli di stato in generale, è al centro dell’attenzione negli ultimi mesi, dato che (finalmente, oseremmo dire) in molti hanno compreso il significato dei rendimenti che, come abbiamo molte volte sottolineato in passato,...

  • 09/07/2012   Grafico: Tassi di interesse in Italia, aggiornamento giugno 2012
    Aggiorniamo con i dati di giugno il grafico relativo ai tassi di interesse in Italia (la riduzione dei tassi da parte della BCE non è evidenziata perché è avvenuta a luglio). Come al solito, i tassi riportati sono quelli relativi ai principali titoli...

  • 07/06/2012   Principali tassi di interesse in Italia: aggiornamento giugno 2012
    Aggiorniamo con gli ultimi dati pubblicati dalla Banca d’Italia il grafico relativo all’andamento dei tassi di interesse in Italia. I tassi esaminati, come i mesi scorsi, sono: Tassi BCE: depositi overnight, rifinanziamento marginale, rifinanziamento...

  • 16/05/2012   Grafico rendimenti BOT: aggiornamento maggio 2012
    Aggiorniamo il grafico dei rendimenti dei BOT: come al solito, l’aspetto interessante è a nostro parere il quadro più ampio che questi grafici danno sul rendimento dei BOT (il primo grafico mostra il rendimento dal 2002 ad oggi), che aiutano a contestualizzare...

  • 08/05/2012   Grafico: Principali tassi di interesse in Italia, aggiornamento maggio 2012
    Aggiorniamo il grafico relativo ai principali tassi di interesse in Italia. Come al solito i tassi che sono riportati sono i seguenti: Tassi BCE: depositi overnight, rifinanziamento marginale, rifinanziamento principale Rendimenti titoli pubblici:...

  • 13/03/2012   Rendimenti BOT: grafico aggiornato al 13 marzo 2012
    Aggiorniamo il nostro grafico relativo ai rendimenti dei BOT, con i dati dell’asta di oggi. I BOT annuali hanno toccato un rendimento dell’1,405%, il minimo da fine 2010, a denotare una fiducia decisamente elevata sulla affidabilità del debito italiano...

  • 07/03/2012   Tassi di interesse in Italia: aggiornamento marzo 2012
    Come d’abitudine, aggiorniamo il grafico dei principali tassi di interesse medi in Italia, con gli ultimi dati che includono il mese di febbraio 2012. Come al solito, i tassi che sono riportati nei grafici sono i seguenti: Tasso ufficiale eurosistema:...

  • 15/02/2012   Grafico: rendimenti BOT, aggiornamento febbraio 2012
    Nell’asta di ieri, i BOT annuali sono stati quotati con un rendimento di 2,230%, praticamente invariati rispetto al 2,214% dell’asta precedente, nonostante i ventilati timori per un possibile default della Grecia. Si nota infatti in modo decisamente...

  • 08/02/2012   Tassi di interesse in Italia: grafico aggiornato febbraio 2012
    Aggiorniamo il grafico dei tassi di interesse in Italia con gli ultimi dati resi disponibili dalla Banca d’Italia a febbraio 2012. Come nelle altre occasioni, i tassi che riportiamo sono i seguenti: Tasso ufficiale eurosistema: depositi overnight Tasso...