Prestito


Warning: strpos() [function.strpos]: Offset not contained in string in /srv/disk6/strane_news/www/banknoise.com/wp-content/plugins/listpostbytags-plugin.php on line 39

Il concetto di prestito è apparentemente scontato: la cessione di una somma con il vincolo (o la promessa)  della sua restituzione, in un’unica soluzione o in più rate.

In realtà, quello che è spesso poco chiaro, specie per chi si trova a chiedere un prestito è quello che è lo scopo del prestito. Non ci riferiamo con questo al “che cosa acquistare” con il denaro ricevuto in prestito, anche perché molti prestiti sono legati all’acquisto di un bene specifico (si pensi al mutuo per la casa, per fare un esempio lampante).

La questione è che molto spesso, l’idea alla base della richiesta di un prestito è:

“Non ho abbastanza soldi, quindi me ne faccio prestare” 

In realtà, però, lo scopo di un prestito non è quello di colmare le “carenze” in termini di reddito (o ricchezza) disponibile di chi lo richiede, ma di anticipare il consumo di un reddito futuro.

Questo concetto è molto importante, per una corretta gestione dei prestiti ed evitare di ritrovarsi in una situazione finanziaria potenzialmente spiacevole: quando si chiede un prestito, lo ripetiamo, si stanno consumando ora delle risorse che si produrranno successivamente. La richiesta di prestiti deve essere dunque in linea con le proprie (realistiche) aspettative in termini di reddito futuro, o in generale di disponibilità economica futura.

Fatta questa doverosa precisazione, lo “spostamento delle risorse nel tempo” ha un costo, che è dato dal tasso di interesse. Questo costo può essere immaginato come la somma di tre principali componenti:

  • Il costo del capitale prestato per chi concede il prestito, che può essere inteso come il tasso a cui il prestatore riceve a sua volta il capitale in prestito (che è quello che fanno di solito le banche), o anche il costo-opportunità dovuto al fatto che il capitale che viene prestato non può essere impiegato in altre attività.
  • Il costo del rischio, cioè quello destinato a compensare il fatto che in media una certa percentuale di quanti ricevono il prestito non saranno in grado di rimborsarlo o non lo rimborseranno secondo gli accordi stabiliti.
  • L’utile di chi presta il denaro, dato che in generale chi presta denaro lo fa allo scopo di averne un guadagno.
A livello di tipologia di prestiti, si può distinguere tra:
  • prestiti finalizzati e non finalizzati, a seconda che siano legati all’acquisto di uno specifico bene o servizio, oppure che siano genericamente orientati a fornire liquidità a chi chiede il prestito.
  • prestiti garantiti e non garantiti, a seconda che la concessione del prestito sia stata subordinata ad una garanzia reale o personale.

 

Post collegati nel blog: 

  • 28/10/2013   Il lato oscuro del microcredito: bengalesi vendono i propri reni per ripagare i debiti
    Il microcredito doveva, secondo qualcuno, risolvere il problema della povertà nelle aree svantaggiate del mondo. Per quanto il microcredito, e la microfinanza in generale, di per sé sia sicuramente un'evoluzione interessante ed importante, ha avuto...

  • 09/10/2013   Principali voci dei bilanci bancari
    ...

  • 24/09/2013   Giovani e indebitati: il 16% dei prestiti chiesti da chi ha meno di 30 anni
    Li chiamavano generazione 1.000 euro e adesso si scopre che, di quella cifra, buona parte viene usata per pagare i prestiti contratti prima ancora di aver compiuto 30 anni. Stando a un’indagine condotta dal comparatore Facile.it (http://www.facile.it/prestiti.html)...

  • 19/09/2013   Cessione del quinto: tutto ciò che bisogna sapere per estinguerlo anticipatamente
    Normalmente, i finanziamenti come i prestiti personali con cessione del quinto dello stipendio, vengono richiesti da coloro che si trovano ad affrontare spese impreviste o comunque al di fuori della loro portata, in un ambito temporale molto stretto. Ma...

  • 21/02/2013   Diminuiscono i prestiti: colpa della congiuntura economica o delle banche?
    Secondo i dati dell’ultimo rapporto mensile di ABI, emerge come negli ultimi mesi siano diminuiti i prestiti a famiglie ed imprese. La variazione anno su anno dei prestiti alle famiglie e società non finanziarie è del -3,26% a gennaio 2013 (1.467 ...

  • 17/07/2012   Gli effetti macroeconomici di Basilea 3
    La regolamentazione di Basilea 3 è stata messa a punto con l’obiettivo di dare maggiore stabilità al sistema bancario: di contro, come abbiamo spesso sottolineato, si ha però che “una banca più solida è una banca che presta meno e meno facilmente”....

  • 09/07/2012   Grafico: Tassi di interesse in Italia, aggiornamento giugno 2012
    Aggiorniamo con i dati di giugno il grafico relativo ai tassi di interesse in Italia (la riduzione dei tassi da parte della BCE non è evidenziata perché è avvenuta a luglio). Come al solito, i tassi riportati sono quelli relativi ai principali titoli...

  • 26/06/2012   Si usano troppo le carte di credito?
    Ha fatto un certo scalpore il blocco da parte di Barclays delle carte di credito intestate a residenti in aree colpite dal terremoto,  con la motivazione che il terremoto poteva avere messo a rischio la capacità degli intestatari di restituire il debito....

  • 12/06/2012   Grafici: tassi di interesse bancari sui prestiti (aggiornamento giugno 2012)
    Di nuovo dal supplemento al Bollettino Statistico “Moneta e Banche” della Banca d’Italia, altri due grafici interessanti che mostrano questa volta i tassi di interesse bancari sui prestiti, divisi per settore, e i tassi di interesse sui depositi...

  • 11/06/2012   Grafici: prestiti bancari e passività bancarie
    La Banca d’Italia ha pubblicato il supplemento di giungo al Bollettino Statistico dedicato a Moneta e Banche: ci sembra interessante riportare due grafici dalla pubblicazione. Il primo riguarda i prestiti bancari ai residenti in Italia, il secondo le...

Ricerche Frequenti:

  • grafici prestiti EROGATI 2014