Assegno bancario

L’assegno bancario è uno strumento di pagamento, in particolare un titolo di credito, tramite cui un correntista ordina alla propria banca di pagare ad un altro soggetto (o a sé stesso) una somma di denaro.

Gli assegni possono essere trasferiti ad altro beneficiario, attraverso “girata”, salvo che sull’assegno sia apposta la clausola “non trasferibile”: in questo caso, il beneficiario non può girare l’assegno a terzi, ma solamente incassarlo. Dal 2007, tutti i libretti di assegni vengono consegnati ai clienti con la clausola “non trasferibile” già prestampata, salvo esplicita richiesta del cliente. Gli assegni di importo superiore a 12.500 euro devono obbligatoriamente essere non trasferibili.

L’assegno bancario deve essere presentato per l’incasso entro 8 giorni, se pagabile nello stesso comune di emissione, oppure entro 15 giorni, se pagabile in altro comune italiano. Oltre questi termini, il pagamento avviene comunque, ma non è possibile protestarlo ed esperire l’azione cambiaria, qualora il conto non sia coperto o sia stato chiuso.

Una pratica diffusa è quella degli assegni post-datati, cioè con una data successiva a quella dell’emissione: in realtà si tratta però di un irregolarità. L’assegno post-datato viene è infatti “irregolare” (non “nullo”, come invece un assegno privo di data), e può essere incassato prima della scadenza indicata: qualunque “patto di non presentazione” è infatti nullo. Nel caso di riscossione anticipata (cioè, se la post-datazione dell’assegno diventa manifesta: in teoria, anche se le date degli assegni non sono coerenti con la loro numerazione sequenziale) però andrebbero applicate le tasse previste per le cambiali: infatti, questo uso degli assegni postdatati ha lo scopo di evitare l’utilizzo di cambiali, e del bollo del 12 per mille che queste prevedono — è considerata una forma di evasione fiscale, quindi.

Torna al glossario dei termini di finanza

Post collegati nel blog:

  • 12/11/2013   Telecom Italia e Visa Europe: accordo per i pagamenti con smartphone
    Telecom Italia e Visa Europe hanno siglato un accordo strategico per dare impulso al sistema dei pagamenti di beni e servizi utilizzando i più diffusi smartphone sul mercato. L’intesa ha l’obiettivo di rendere disponibili agli oltre...

  • 18/11/2012   I pagamenti “senza contante” crescono del 4%
    Secondo gli ultimi dati resi pubblici da ABI al convegno “Carte 2012” gli italiani stanno aumentando i pagamenti effettuati con strumenti dal contante. In particolare, sono in netta crescita le operazioni sul web con carte (+27,6%) e i bonifici online...

  • 16/11/2012   Pagamenti con il telefonino: presto realtà per tutti?
    Si parla da tempo della possibilità di effettuare pagamenti tramite i telefoni cellulari. Fino a pochi anni fa la tecnologia (e la cultura del pubblico) non era ancora pronta, ma adesso iniziano le prime sperimentazioni. Banco Popolare e CartaSi hanno...

  • 26/06/2012   Presto pagamenti più facili per l’e-commerce
    Mentre si parla spesso di ipotetiche (ed improbabili) uscite dall’euro, entro il primo febbraio 2014 dovrà essere completata la migrazione al mercato armonizzato per i pagamenti elettronici in euro. Con il passaggio alla cosiddetta SEPA (Single European...

  • 07/06/2012   +25,8% l’importo speso da carte di credito straniere in Italia
    Secondo i dati dell’Osservatorio Acquisti CartaSi, nel 2011 l’importo speso da carte di credito straniere in Italia è aumentato del 25,8%. Una crescita che va collegata principalmente al turismo, dato che sono proprio le categorie merceologiche legate...

  • 20/04/2012   La sicurezza delle carte di credito è a rischio?
    Un paio di settimane fa, un grande gestore americano di pagamenti attraverso carte di credito, Global Payments, è stato “bucato”, e gli hacker sarebbero riusciti a sottrarre i numeri di un milione e mezzo di carte di credito. Va detto che nonostante...

  • 29/02/2012   Accordo ABI-Ministero dell’Istruzione per la tecnologia nelle scuole
    Si ripete spesso che la scuola dovrebbe insegnare di più la tecnologia, e sfruttarla maggiormente nelle lezioni, per preparare i giovani alla vita “vera”. Ma c’è un altro aspetto del rapporto tecnologia-scuole che è ancora più trascurato,...

  • 21/02/2012   Il problema delle imprese italiane? I ritardi nei pagamenti della Pubblica Amministrazione
    Le imprese italiane sono sempre più sotto pressione anche per colpa della Pubblica Amministrazione. I ritardi nei pagamenti da parte delle amministrazioni pubbliche finiscono per creare grossi problemi di liquidità alle aziende: l’Associazione Bancaria...

  • 27/01/2012   Micropagamenti con il QR Code
    Abbiamo parlato da poco di pagamenti tramite smartphone, e dopo l’esperienza di pagamenti contactless introdotta da Intesa-Sanpaolo, ci sembra interessante parlare di un’altra tecnologia basata sempre su smartphone, introdotta in questo caso da Gruppo...

  • 24/01/2012   Intesa-Sanpaolo sperimenta il “mobile payment” basato su smartphone
    Intesa Sanpaolo ha presentato qualche settimana fa l’evoluzione di Move and Pay (la sua piattaforma per i pagamenti “in mobilità”)  che consente ora di pagare avvicinando semplicemente il telefono a un POS contactless abilitato al circuito MasterCard...

Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×