In agosto è proseguito il calo di €-coin

In agosto €-coin è sceso a 0,19 da 0,27 in luglio, proseguendo la tendenza in atto dalla scorsa primavera.

La caduta dell’indicatore ha riflesso l’indebolimento dell’attività economica nel secondo trimestre e il recente peggioramento della fiducia di imprese e consumatori; l’appiattimento della curva dei tassi d’interesse ha invece fornito un lieve contributo positivo.

€-coin – sviluppato dalla Banca d’Italia – fornisce in tempo reale una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro. €-coin esprime tale indicazione in termini di tasso di crescita trimestrale del PIL depurato dalle componenti più erratiche (stagionalità, errori di misura e volatilità di breve periodo). €-coin è pubblicato mensilmente dalla Banca d’Italia e dal CEPR.

Le prossime date di pubblicazione di €-coin saranno venerdì 26 settembre e venerdì 31 ottobre (da confermare).

Aziende di giochi quotate in borsa

Il mercato azionario della borsa affari è un settore fondamentale dell’economia e che spesso è utile per capire cosa funziona e come si applicano le leggi del mercato e per distinguere i settori in cui è conveniente investire e quelli in cui aumentano i rischi di ottenere degli utili.

E’ interessante evidenziare quali tipi di settori e di aziende riescono ad ottenere buoni risultati in un mercato che tende a giocare al ribasso, al tapering, che è la riduzione degli stimoli verso il mercato azionario.

Nella borsa valori è necessario restare aggiornati e seguire il flusso delle informazioni utili che tendono a creare una distinzione tra chi ottiene buoni utili e chi invece non resiste al flusso dei mercati. In un momento come questo è vitale ricercare nuovi settori e fenomeni mediatici potenzialmente convenienti su cui fare degli investimenti.

Uno dei settori che negli ultimi anni si è imposto per la sua vitalità e per lo sviluppo dovuto anche a grandi investimenti e successi profitti è senza dubbio quello che riguarda il betting e il gioco online

Scommesse sportive, poker, casinò e roulette, in tempi recenti sono realtà che hanno preso piede fino a consolidarsi come mercato stabilendo rapidamente il bacino di utenza e i capitali. Non stupisce che un segmento dinamico e affidabile come questo beneficiasse delle premure che il mercato finanziario, la borsa valori, hanno comprovato.

E’ facile anche ritracciare le ragioni del successo e stabilire le quotazioni di aziende specializzate in gambling e betting, quali scommesse sportive.

Nel corso degli ultimi dieci anni attraverso alcune acquisizione di società che operano nel settore del gioco quali poker room e sale online, si è sentita la necessità di quotare il borsa anche questo tipo di aziende. Pian piano molte delle sale da gioco si sono introdotte nel mercato azionario come nel caso delle scommesse sportive online William Hill celebre azienda britannica del settore. Proprio in questa cornice contestuale una poker room, a differenza di un’azienda convenzionale, non risponde a logiche da politica monetaria o a dati del PIL, e grazie a questo aspetto riesce ad ottenere in breve tempo ottimi risultati. Se da un lato ci possono essere flessioni fisiologiche dei mercati, dall’altro queste curve difficilmente intaccano un settore autoreferenziale e circoscritto come quello del gioco.

Questo tipo di realtà aziendali rapidamente hanno ottenuto e centrato obiettivi strategici per il settore delle quote scommesse sportive. Diverse società che operano in questo settore si sono comportate più che bene appena il titolo è entrato in Borsa, dando spesso un nuovo impulso anche ai mercati tradizionali.

Investimenti in borsa e opzioni binarie

Abbiamo parlato spesso parlato di investimenti in borsa e di opzioni binarie. Torniamo sull’argomento per chiarire ulteriormente qualche punto.

Le opzioni binarie sono un tipo di opzione dove il guadagno è predeterminato ad un ammontare fisso oppure nullo: le opzioni binarie prendono il proprio nome dal fatto che l’esito dell’investimento ha due soli possibili risultati: previsione corretta o non corretta. Il guadagno non dipende dunque da fattori quali il valore di mercato del sottostante (eccetto per il fatto che eventualmente questo abbia raggiunto o meno un eventuale obiettivo).

Una caratteristica importante delle opzioni binarie è che sono estremamente semplici, dato che non necessitano di una conoscenza approfondita del mercato azionario, permettendo pressoché a chiunque di scommettere in borsa.

In questa semplicità è insito anche un rischio implicito: quella di avvicinarsi superficialmente ai mercati finanziari, con prospettive di risultati che rischiano di essere deludenti. Il fatto che non servano conoscenze nell’immediato, deve essere considerato “un’agevolazione” nel breve periodo, permettendo un approccio più “morbido”, ma non deve fare pensare che non sia necessario od opportuno cercare di sviluppare il più possibile la propria conoscenza dei mercati, se non altro in base alla buona regola che è bene sapere sempre dove si sono messi i propri soldi.

Per questo, per chi vuole avvicinarsi al mercato delle opzioni binarie, due attenzioni sono d’obbligo: la prima è quella di limitare i propri investimenti (anche se si dovrebbe dire “scommesse”, finché non si è acquisita una conoscenza maggiore dei mercati) a somme che si è eventualmente “disposti a perdere”. Una regola che peraltro vale per gran parte degli investimenti nei mercati azionari, che dovrebbero essere visti come a lungo termine e quindi potenzialmente non disponibili nell’immediato (es. a causa di una congiuntura negativa): non è dunque il caso di investire in questo modo soldi che sono o che potrebbero essere necessari a breve scadenza (es. per completare un acquisto o per pagare le rate del mutuo).

La seconda attenzione è quella di un’accurata scelta dell’intermediario (e della piattaforma) cui affidarsi. Sia in Europa che negli USA, le autorità competenti hanno invitato gli investitori alla cautela: il mercato delle opzioni binarie non è sempre rigidamente regolamentato, ed è importante perciò che chi vuole investire del denaro in esso si documenti il più possibile sulla piattaforma (e il “broker”) che intende scegliere. Molto spesso, le piattaforme permettono delle prove gratuite, registrandosi senza impegno (serve fare attenzione, nel caso, che non vi siano poi iscrizioni automatiche da disdire) e permettendo così di vedere la piattaforma e in qualche caso di simulare delle operazioni con denaro “virtuale”. Oltre a ciò, è bene verificare in rete recensioni e opinioni sull’investimento.

Prese queste accortezze, l’investimento in opzioni binarie potrà dare sicuramente maggiori soddisfazioni.

 

 

 

 

 

€-coin segna una flessione in luglio

In luglio €-coin è lievemente diminuito, a 0,27 da 0,31 in giugno, riportandosi sui livelli della fine dello scorso anno.

L’impatto negativo del calo della produzione industriale in maggio e del debole andamento del mercato azionario in luglio è stato parzialmente attenuato dall’appiattimento della curva dei tassi d’interesse.

€-coin – sviluppato dalla Banca d’Italia – fornisce in tempo reale una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro. €-coin esprime tale indicazione in termini di tasso di crescita trimestrale del PIL depurato dalle componenti più erratiche (stagionalità, errori di misura e volatilità di breve periodo). €-coin è pubblicato mensilmente dalla Banca d’Italia e dal CEPR.

Le prossime date di pubblicazione di €-coin saranno venerdì 29 agosto e venerdì 26 settembre (da confermare)