Matteo Achilli ed Egomnia sulla prima pagina di Business Insider

Sono le 23 italiane del 23 luglio quando Business Insider, la rivista in lingua inglese tra le più prestigiose del mondo, inserisce Matteo Achilli ed Egomnia in prima pagina. Un articolo di 18 pagine dal titolo “Meet The 22-Year-Old Student People Are Calling ‘The Italian Mark Zuckerberg’” (qui il link http://www.businessinsider.com/italian-mark-zuckerberg-matteo-achilli-2014-7) che in pochi minuti ha raggiunto subito le decine di migliaia di visualizzazioni divenendo “tema caldo”.

La storia di Matteo, 22enne romano studente dell’Università Bocconi di Milano, viene ricostruita sin dall’inizio dalla rivista: il liceo nella periferia di Roma, il trasferimento alla Bocconi, la nascita di Egomnia, l’attenzione delle multinazionali e ai viaggi tra Singapore e la Silicon Valley.

Egomnia.com è il primo social network italiano a mettere in contatto domanda ed offerta di lavoro. Il target di Egomnia sono i giovani talenti e tra le innovazioni portate dalla piattaforma c’è un algoritmo utilizzato per valutare i curricula degli iscritti inserendoli in dei ranking. In soli 24 mesi Egomnia.com ha raggiunto la cifra record di 300 mila iscritti e 710 aziende aderenti solamente in Italia.

Giorni fa Matteo Achilli era stato selezionato come unico italiano dalla BBC per il documentario “The Next Billionaires” ovvero “i futuri miliardari” (qui un’anteprima http://www.bbc.co.uk/news/business-28248095). A convincere l’emittente radiotelevisiva inglese anche gli importanti contratti e partnership che Achilli sta stringendo per il lancio internazionale di ottobre della piattaforma.

Investitori, aziende, startup e studenti hanno scritto ad Egomnia dopo il servizio della BBC. La piattaforma ha riscosso un notevole successo soprattutto in Australia, Corea, Germania, Francia, Sud Africa, Nigeria, Nepal, Bangladesh, Colombia, Messico, Stati Uniti d’America e Inghilterra.

Il mondo sembra amare Matteo Achilli ed Egomnia, che per il momento hanno bloccato l’accesso al sito da utenti provenienti al di fuori dell’Italia.

Sto portando l’attenzione dei più importanti media di tutto il mondo sull’Italia digitale, sui giovani talenti italiani e sulle nostre startup. Sembrava impossibile fino a poco tempo fa. Egomnia è la prima startup italiana a fare un passo del genere. Con Egomnia stiamo scrivendo la storia” ha dichiarato Matteo Achilli.

Oltre alla BBC e a Business Insider, anche Sky New International ha intervistato Matteo, insieme a radio e giornali provenienti da tutto il mondo. Da Dubai agli Stati Uniti d’America.

Una bella storia italiana che è solo all’inizio del suo percorso.

Baratto aziendale moderno: Digital Magics entra in Cambiomerci.com

56CUBE – venture incubator di startup digitali nel Sud Italia, nato all’interno di Digital Magics, incubatore certificato di startup innovativequotato su AIM Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM) – ha acquisito una quota del 12% di Cambiomerci.compiattaforma del baratto aziendale moderno, che permette alle imprese di vendere e comprare prodotti e servizi tra di loro, senza transazioni di denaro liquido, ma con una moneta complementare.

Con questa operazione, Digital Magics e 56CUBE aggiungono la startup innovativa all’interno del proprio portfolio, e supporteranno Cambiomerci.com con i servizi di accelerazione dei business digitali per lo sviluppo della neoimpresa. 56CUBE avrà la possibilità di salire fino al 20% di Cambiomerci.com, in base ai risultati raggiunti. La piattaforma web di Cambiomerci.com sarà rinnovata dal punto di vista tecnologico e con una nuova veste grafica. I due incubatori metteranno a disposizione della startup il proprio network di relazioni italiane e internazionali, con l’obiettivo di ampliare il circuito di Cambiomerci.com con oltre 5.000 aziende.

IL MERCATO DEL BARTER: 7 MILIARDI DI DOLLARI E 500.000 AZIENDE NEGLI USA

Secondo le stime IRTA (International Reciprocal Trade Association) – associazione che riunisce i principali attori mondiali del Barter – ogni anno il Barter System registra fra i 12 e i 14 miliardi di transazioni, e il settore della moneta complementare è stimato fra l’1% e il 5% dell’intero mercato. Solo negli USA invece ogni anno le stime segnalano 7 miliardi di dollari di transazioni e 500.000 aziende coinvolte.

 

Visa conferma il lancio del digital wallet “V.me by Visa” in 8 mercati europei, Italia compresa

Visa Europe ha confermato oggi che il suo servizio di digital wallet, V.me by Visasi espanderà in Germania, Irlanda, Norvegia, Svezia e Italia entro la fine dell’anno. Programmi pilota saranno lanciati anche in Grecia, Repubblica Ceca e Slovacchia nel 2015, portando a 12 il numero totale dei Paesi che offrono il servizio.

Visa Europe ha anche annunciato un ulteriore investimento di 200 milioni di euro a supporto dello sviluppo dei suoi servizi per i pagamenti digitali. Questo investimento comprenderà anche un programma dedicato all’adozione da parte dei retailer dei servizi per i pagamenti digitali di Visa per incrementare il numero degli esercenti, ora ben 20.000, che già accettano il servizio V.me by Visa. Oggi questo numero di retailer comprende insegne come PC World e Clarks nel Regno Unito, e Merlin.pl e E.Leclerc in Polonia.

V.me by Visa è un digital wallet che viene brandizzato dalle banche socie di Visa, che permette dunque a banche e istituzioni finanziarie di mettere il loro nome e brandizzare il servizio che è creato e gestito da Visa. Il servizio V.me by Visa oggi è operativo in UK, Francia, Spagna, e Polonia. Il lancio a fasi del servizio ha visto il coinvolgimento di selezionati clienti di banche socie di Visa aderenti al servizio, mentre i lanci commerciali (estesa disponibilità ai consumatori) avrà inizio nei primi mesi del 2015.

[…]

Per accelerare l’adozione del servizio V.me by Visa service, Visa Europe ha anche annunciato l’organizzazione di un Working Group dedicato all’interoperabilità europea, European Interoperability Working Group.  Questa iniziativa consentirà a Visa Europe di supportare l’obiettivo di interoperabilità europea per le soluzioni locali del servizio di digital wallet V.me by Visa.

Banco Popolare e Visa Europe lanciano l’innovativa carta di debito e prepagata “YouCard Business”, la prima in Italia pensata per le imprese e i suoi dipendenti

Banco Popolare, in collaborazione con Visa Europe, lancia oggi in Italia “YouCard Business”, la prima carta di debito e prepagata Visa pensata per facilitare la gestione dei pagamenti nelle imprese e garantire un elevato controllo delle spese aziendali.

“YouCard Business” permette, attraverso la funzione di debito e prepagata, di gestire le spese quotidiane operative per acquisti di beni o servizi presso grandi catene retail, operatori di commercio al dettaglio e all’ingrosso, siti ecommerce, e di agevolare i pagamenti dei collaboratori che hanno necessità di viaggiare, effettuare trasferte o che per diverse ragioni sono delegati a sostenere spese aziendali.

Dal lato pagamenti, “YouCard Business” permette di effettuare transazioni per conto dell’ azienda presso milioni di esercizi commerciali che espongono il logo Visa, in Italia e nel mondo, e anche su Internet, con un tetto massimo di spesa deciso dall’azienda per singola carta sia per la funzionalità di addebito immediato sul conto sia per la funzionalità prepagata.
Il controllo delle spese è assicurato dal portale “Vantaggio” messo a disposizione dal Banco Popolare all’azienda correntista. Il portale fornisce una vera e propria “plancia di comando” che l’azienda può utilizzare gestendo e profilando in tempo reale ogni carta in modo autonomo e funzionale per la propria impresa e con la massima flessibilità.

Con “YouCard Business” l’azienda può dunque personalizzare ciascuna carta in termini di operatività giornaliera definendo ad esempio limiti di spesa, anche diversi al variare del canale di utilizzo, ovvero POS, ATM o Internet, e automatizzando la gestione della disponibilità sulla carta, per esempio con la ricarica automatica a tempo. Inoltre, ogni singola “YouCard Business” può essere liberamente abilitata al funzionamento selettivo solo in specifici giorni e orari, può essere inibita al funzionamento per determinate categorie merceologiche e così via.
I vantaggi sono molti e non solo per l’azienda ma anche per il collaboratore che utilizza “YouCard Business”, che può evitare di anticipare personalmente le spese aziendali e di trasferta, o di portare contante extra o assegni con sé e può scegliere il codice PIN della carta che più gli piace. Il dipendente potrà utilizzare la carta per qualsiasi tipo di acquisto, effettuato sia di persona,  anche in modalità contactless, oppure tramite Internet, presso milioni di esercenti in tutto il mondo con la tranquillità del servizio SMS di notifica immediata. Infine, sia l’azienda sia il collaboratore, ciascuno attraverso il portale dedicato, possono sempre controllare il saldo e tutti i movimenti effettuati con “YouCard Business”. Gli importi vengono dedotti in automatico dal conto aziendale se il pagamento viene effettuato in modalità debito, oppure vengono scalati dal plafond se l’operazione avviene con la funzione prepagata, e i relativi movimenti figurano nella rendicontazione di dettaglio.

“Gestire un’impresa oggi richiede un nuovo approccio. Il contesto economico complesso  ma anche ricco di sfide richiede alle  aziende un modo innovativo e più efficiente di governare le spese della propria attività. “YouCard Business” di Banco Popolare è una carta di debito e prepagata Visa che offre il mix perfetto per affrontare e risolvere ogni esigenza di spesa di un’azienda: infatti, oltre alle funzionalità innovative della carta, prima e unica  al momento sul mercato italiano, anche la struttura di costo è premiante per le aziende correntiste alle quali non serve  nessuna linea di affidamento e il pagamento del canone di utilizzo è richiesto solo quando le carte vengono effettivamente utilizzate”  ha commentato Andrea Mencarini , Responsabile Direzione Privati, di Banco Popolare.

Il lancio della carta “YouCard Business”, in collaborazione con Visa Europe, avviene in un momento “storico” di grande cambiamento nel quale Banco Popolare vuole essere a fianco delle imprese non solo con strumenti di pagamento, come l’innovativa “YouCard Business”, ma anche con soluzioni di incasso che rispondano alle esigenze introdotte dalle recenti disposizioni governative in merito all’accettazione dei pagamenti elettronici che prevedono che le aziende, i professionisti, gli esercenti e gli artigiani si dotino di POS per accettare pagamenti con carta sopra i 30 euro. A questo proposito, Banco Popolare ha recentemente lanciato la propria soluzione di incasso in mobilità con Mobile POS.

Il nuovo servizio “YouPos Mobile”, l’mPOS targato Banco Popolare, collegabile all’applicazione YouPos Mobile scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet con sistema operativo iOS o Android, è la soluzione proprietaria che accetta pagamenti multi-circuito, con tutti i tipi di carta e che può essere utilizzato ovunque in mobilità anche in condizioni di scarsa visibilità grazie all’innovativo display e tastiera retroilluminati. Con il servizio “YouPos Mobile” Banco Popolare ha scelto di arricchire la propria gamma di servizi di incasso con uno strumento vicino ai propri clienti anche nel prezzo con un modello di costo ”light”.

“YouCard Business” – www.youcardbusiness.it – è la prima carta di debito Visa aziendale con funzionalità prepagata lanciata sul mercato italiano e Banco Popolare l’ha resa ancor più innovativa dotandola di un visual verticale che ben si adatta all’accettazione dei POS più all’avanguardia, compreso il nuovo mPOS “YouPos Mobile”.

CheBanca continua a spingere sul risparmio: nasce Risparmio Assicurato in partnership con iShares e GenertelLife

Nuovo passo avanti nella strategia di sviluppo del ramo investimenti di CheBanca!: parte Risparmio Assicurato, la soluzione di investimento a medio-lungo termine che per la prima volta combina un prodotto assicurativo con una componente finanziaria costruita utilizzando un portafoglio di ETF diversificato e a rischio controllato.

Risparmio Assicurato nasce dalla collaborazione di CheBanca! con GenertelLife e iShares -leader mondiale e italiano degli ETF e parte del gruppo BlackRock – e sarà disponibile per i clienti CheBanca! a partire dalla fine di luglio.

“Questo nuovo prodotto rappresenta un ulteriore passo avanti nell’evoluzione dell’offerta di risparmio di CheBanca! sempre più incentrata sulla consulenza personalizzata – commenta Roberto Ferrari direttore generale di CheBanca! – i risparmiatori oggi ricercano per i loro investimenti garanzie di stabilità, protezione e rendimento. Da qui l’idea di creare un prodotto assolutamente nuovo, unico in Italia, capace di unire protezione del capitale e rendimento crescente propria della componente assicurativa con un portafoglio di ETF flessibile ed a volatilità controllata. Un prodotto innovativo nato dalla partnership con iShares del gruppo BlackRock, il leader globale di mercato”.

“La nostra partnership con CheBanca! è una pietra miliare per iShares e per l’industria italiana del risparmio Siamo molto impegnati nell’innovazione al fine di soddisfare le esigenze in continua evoluzione degli investitori. In particolare, l’unicità di questa soluzione di investimento si sostanzia in un basso costo di gestione e un’ampia diversificazione offerta dagli ETF, combinati per la prima volta con i vantaggi di un prodotto assicurativo – ha commentato Emanuele Bellingeri, Responsabile di iShares per l’Italia -. Stiamo assistendo ad una significativa crescita nell’uso degli ETF in Italia e in Europa, in quanto questi strumenti forniscono un semplice accesso a una vasta gamma di esposizioni per costruire portafoglio efficiente nel medio lungo termine”.