1 Flares 1 Flares ×

La “cessione del quinto”, di cui spesso si sente parlare, è una particolare tipologia di prestito che si caratterizza per il rimborso che viene effettuato tramite rate costanti trattenute direttamente nella busta paga, che possono raggiungere al massimo un quinto dello stipendio netto (da cui il nome).

Una ulteriore caratteristica della cessione del quinto è quella di essere un prestito non finalizzato:non collegato cioè ad un impiego specifico (come può essere un finanziamento per l’acquisto a rate di un’auto o di un elettrodomestico) e quindi permette a chi lo richiede di impiegare la somma come meglio si desidera.

Il rimborso della cessione del quinto, come abbiamo già accennato, avviene tramite trattenuta diretta sulla busta paga effettuata dal datore di lavoro. Si tratta una soluzione che è favorevole non solo per i creditori (l’insolvenza volontaria del debitore è praticamente impossibile, dato che una volta dato il proprio consenso alla trattenuta in busta paga, il cedente non può più revocare il pagamento finché il debito non è saldato), ma da un certo punto di vista anche per i debitori: uno dei rischi dei prestiti è talvolta quello di impiegare le somme ricevute per acquisti “ordinari” per i quali il reddito è insufficiente. Si tratta di uno scenario che però ha come effetto collaterale il rischio di non essere in grado di rimborsare il prestito, spesso a causa del fatto che chi lo ha richiesto ha poco chiaro il valore della rata e le modalità di rimborso. Nel caso della cessione del quinto, la chiarezza per il debitore è spesso molto maggiore.

L’importo massimo di questo tipo di prestito può arrivare anche a somme relativamente elevate (verificando su alcuni siti di informazioni sulla cessione del quinto si può vedere che si può arrivare anche a importi di 50.000 euro), e la durata massima consentita del rimborso è di 120 mesi (10 anni). L’importo ottenibile dipende dai requisiti del richiedente, anche se va detto che in molti casi anche chi ha avuto una storia creditizia non perfetta può accedere a questo tipo di prestiti per la loro natura di prestiti garantiti.

Oltre a essere richiesti per nuovi acquisti o investimenti, i prestiti cessione del quinto vengono spesso utilizzati come consolidamento di più prestiti esistenti, che vengono così consolidati in un’unica rata (tipicamente meno elevata della somma delle altre, grazie alle economie di scala sui costi di gestione e al tasso uniformato).

banknosie.comBanche, Risparmio, Investimenti e TradingLa “cessione del quinto”, di cui spesso si sente parlare, è una particolare tipologia di prestito che si caratterizza per il rimborso che viene effettuato tramite rate costanti trattenute direttamente nella busta paga, che possono raggiungere al massimo un quinto dello stipendio netto (da cui il nome). Una ulteriore caratteristica...Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti