La Srl semplificata diventa protagonista del web

0 Flares 0 Flares ×

Nonostante il momento politico sia piuttosto particolare, non vanno persi di vista i problemi concreti: ed una delle problematiche spesso sollevate quando si parla dell’economia italiana riguarda la difficoltà di fare impresa.

In quest’ottica, la recente introduzione delle società a responsabilità limitata semplificata permette di semplificare di gran lunga le complessità burocratiche, per gli under 35 che vogliono “fare impresa”. Ad esempio, è sufficiente un capitale sociale di solo 1 euro, e atto costitutivo e iscrizione nel registro delle imprese sono esenti da diritto di bollo e di segreteria e non sono dovuti onorari notarili.

Non è una questione da poco: sono spesso i giovani ad avere idee nuove ed innovative, ma di contro non hanno solitamente i capitali per aprire un’impresa “normale”. Ecco che la srl semplificata può fare nascere una nuova generazione di imprenditori, cosa che sarebbe decisamente utile all’economia perché parliamo spesso della staticità della mentalità del settore pubblico, o del mondo del lavoro, ma è anche vero che molti imprenditori hanno una mentalità che se poteva avere successo  venti o trent’anni fa, oggi fa annaspare.

Inoltre ha un grosso potenziale nella tutela dei lavoratori: infatti, una parte del mondo delle “Partite IVA” potrebbe trasformarsi in srl semplificate, permettendo di distinguere meglio il sottobosco di soggetti che figurano come professionisti/imprenditori ma in realtà sono dipendenti non tutelati.

La Srl Semplificata è uno strumento che però è forse meno noto di quel che dovrebbe e proprio per questo il Governo ha lanciato (qualche tempo fa, ma raggiunge gli “schermi” solo da pochi giorni) una campagna rivolta in modo specifico ai giovani, essendo questi i beneficiari dello strumento della Srl Semplificata.

Ecco dunque nascere una campagna basata sull’ironia, che non è stata affidata ai “soliti” professionisti della televisione, ma a specialisti di comunicazione online, e soprattutto coinvolgendo quattro giovani “star” di YouTube.