Come faccio a risparmiare con l’assicurazione per veicoli storici?

0 Flares 0 Flares ×

L’assicurazione per veicoli storici è stata introdotta, in effetti, solo con il Decreto Ministeriale del 17 Dicembre 2009. Esso regolamenta la disciplina e le procedure per iscrivere quei veicoli definibili “d’epoca”, cioè di interesse storico e collezionistico attraverso il rilascio del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica.

In ogni caso, chi possiede un veicolo da almeno vent’anni può iscriversi al registro della Federazione Motociclistica Italiana e godere di diverse agevolazioni. L’iscrizione al veicolo comporta il buono stato originario di esso: vietato apportare modifiche che ne modificano l’aspetto e tutto quello che ricostruisce il modello originario. Pena, l’esclusione all’iscrizione dell’Fmi.

Una cosa da sapere è che il veicolo storico, se messo in strada, è soggetto a tutte le norme che conosciamo: deve avere un libretto di circolazione, l’assicurazione e la tassa di circolazione. Invece, se lo scopo è il puro collezionismo e il tenere fermo il mezzo o portarlo solo in certe occasioni a delle esposizioni, si può anche tenere fermo senza libretto di circolazione.

www.tigullionews.com_wp-content_uploads_bugatti_15

In ogni caso, l’assicurazione per le moto d’epoca è molto vantaggiosa. Anch’essa varia a seconda del modello, delle zona di provenienza, della cilindrata: il suo costo, tuttavia, va dai 70 ai 200 euro per una moto. Inoltre, se avete una vespa d’epoca, potete iscriverla al Vespa Club Italiano, usufruendo ulteriori sconti per l’assicurazione. Per avere maggiori informazioni potete consultare questa pagina, dove è possibile richiedere online un preventivo per l’assicurazione.

Per assicurare il veicolo storico, tuttavia, il riferimento è sempre la Federazione Motociclisti Italiani. Saranno loro stessi, di volta in volta, a indicarvi quali sono le agenzie assicurative convenzionate per poter assicurare il veicolo. Ma i vantaggi sono anche altri: sarete sempre informati sulle iniziative speciali, sugli eventi in zona e sulle nuove agevolazioni.

L’iscrizione per il veicolo alla Fmi costa cinquanta euro se c’è il libretto di circolazione mentre se è un mezzo privo di documenti l’iscrizione costa 100 euro. L’iscrizione della persona fisica costa, invece, 78 euro. Essa è valida un anno solare e il rinnovo annuale per le persone fisiche costa 53 euro.