L’economia pubblica e privata si alternano e si integrano a vicenda, ma a sostenerle è comunque sempre il lavoratore. (Carl William Brown)

Trend positivo per i poli tecnologici del Lazio

Trend positivo per i poli tecnologici del Lazio


0 Flares

0 Flares


×

Abbiamo da poco parlato dei distretti veneti: un’altra ricerca prodotta dal Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo approfondisce i poli tecnologici del Lazio. Quel che ne emerge è interessante perché emerge una crescita forte, a dimostrazione che i settori a maggiore valore aggiunto reggono meglio la crisi e hanno potenzialità di crescita superiore.

È cresciuto del +25,4% l’export nel secondo trimestre 2012 dei Poli tecnologici laziali: spicca in particolare il polo farmaceutico con un incremento del +31,3%. La crescita però non si accompagna ancora con una ripresa del mercato del lavoro, nel quale la situazione resta ancora critica.

Il secondo trimestre conferma il trend positivo già evidenziato nel primo trimestre con una crescita tendenziale dell’export dei poli tecnologici laziali del 25,4%, risultato che si conferma migliore rispetto al dato nazionale dei poli hi-tech (+6,1%). A trainare la performance della regione continua ad essere il polo farmaceutico (+31,3%); bene però anche il polo dell’aereonautica che registra un aumento del 7,9% dopo la performance negativa del primo trimestre. In territorio positivo anche l’ICT romano (2,1%), in controtendenza rispetto alla media nazionale (-8,7%).

[…]

Meno confortanti i dati che emergono dal distretto della ceramica di Civita Castellana che, specializzato nella ceramica sanitaria, sta scontando le difficoltà di ripresa del settore immobiliare dei principali partner commerciali Spagna e Regno Unito. Nel secondo trimestre l’export registra una contrazione del 14%. Hanno contribuito a questo risultato le performance negative osservate in Spagna (-50,3%), Regno Unito (-14,6%), Germania (-7,5%) e Russia (-48%). Da segnalare però il dato positivo sul mercato francese, terzo sbocco commerciale dell’area.

[…]

Nonostante il buon andamento dell’export regionale la situazione occupazionale resta critica: nei poli tecnologici laziali le ore di cassa integrazione guadagni autorizzate nei primi otto mesi del 2012 sono aumentate del 48,6% in controtendenza rispetto al trend nazionale (in calo del 7,2%).

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email 0 0 Flares ×