L’economia è una materia che non ha un grande rispetto per i desideri delle persone (Nikita Khrushchev)

Sviluppo: è possibile coniugare lo sviluppo dei paesi ricchi con quello dei paesi poveri?

Sviluppo: è possibile coniugare lo sviluppo dei paesi ricchi con quello dei paesi poveri?


0 Flares

0 Flares


×

La crescita economica dei paesi occidentali, Italia per prima, si è basata almeno in parte sui paesi emergenti. Ad esempio, l’importazione di prodotti low-cost dalla Cina e la delocalizzazione della produzione ha permesso di contenere l’inflazione negli anni di espansione economica.

Oggi la sfida dello sviluppo globale è forse ancora più difficile, dato che alle difficoltà note dei paesi più poveri si uniscono quelle dei paesi a reddito medio e dei paesi ricchi. Il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, è intervenuto proprio su questo tema all’incontro annuale del Development Committee, tenutosi a Tokyo il 13 ottobre.

Secondo le ultime stime per il 2012 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro , il numero complessivo dei disoccupati è di 200 milioni, circa 30 milioni in più rispetto al 2007. Allo stesso tempo, la quota di popolazione occupata in età lavorativa è scesa al 60,3% rispetto al 61,2% del 2007. Questo scenario dovrebbe rimanere sostanzialmente  invariato nei prossimi anni e potrebbe essere ottimistico, se si materializzassero alcuni dei rischi al ribasso temuti.

[…]

Secondo il World Development Report (WDR) 2013, è compito del  settore privato creare posti di lavoro economicamente e socialmente sostenibili, e de governo di fornire un ambiente macroeconomico stabile, un clima economico favorevole agli investimenti, una certezza del diritto e un mercato del lavoro regolamentato in modo equilibrato.

[..]

La strategia che mira ad eliminare la povertà assoluta nei paesi poveri e raggiungere la ricchezza sostenibile e inclusiva nei paesi a reddito medio merita di essere sostenuta. Le risorse finanziarie devono essere indirizzati in via prioritaria verso i paesi che non hanno accesso al mercato ad un costo ragionevole. Al contrario, attualmente circa il 50 per cento dell’esposizione complessiva IBRD (Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo) è destinato ai paesi con reddito pro capite superiore ai 2.900 dollari USA, e il 30 per cento è destinato a i paesi che potrebbero prendere in prestito dal mercato con uno spread di non più di 150 punti base sopra il corrispondente del Tesoro statunitense.
  
Il reindirizzamento delle risorse finanziarie ai paesi meno sviluppati non deve implicare l’abbandono dei paesi a medio reddito.  Deve essere definita una nuova strategia basata sul secondo pilastro del mandato: aumentare prosperità. Il raggiungimento di questo obiettivo richiede soluzioni di conoscenze e pratiche, che sono in qualche modo scarse. Dovrebbe essere fornito a questi paesi ciò che non possono trovare sul mercato.

La  Knowledge Bank dovrebbe essere un gestore di conoscenza attiva in grado di mobilitare le proprie competenze, il know-how e di informazioni per fornire soluzioni su misura ai problemi specifici di ogni singolo “cliente”.

[…]

i prodotti della conoscenza hanno un valore aggiunto per i paesi a reddito medio. Questa strategia consentirebbe di liberare capacità di prestito sufficiente della IBRD per soddisfare le esigenze dei membri più poveri dell’istituzione, senza danneggiarne il bilancio.

Tuttavia, devono essere anche mantenuti i costi sotto controllo. Aumentare l’efficienza della Banca Mondiale attraverso il già avviato processo di modernizzazione è della massima importanza. A medio termine, è necessario rivalutare se l’attuale
struttura basata su quattro organizzazioni (IBRD, IDA, IFC, MIGA) è ancora la più adatta a servire i clienti del 21 ° secolo, o se si tratta di un retaggio del passato che deve essere riorganizzata in modo più efficiente.

[…]

 

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Email 0 0 Flares ×