Investire in Apple: guadagno sicuro o suicidio finanziario?

1 Flares 1 Flares ×

Il caso di Apple è molto interessante perché sono in molti ad aspettarsi che il valore delle azioni di una società così famosa e da molti considerata simbolo di successo sia destinato a salire costantemente.

Riportiamo una interessante e completa infografica da SplatF, che illustra in modo molto chiaro quella che è la situazione attuale di Apple. Nonostante sia innegabile il fatto che Apple sia sicuramente un “pezzo grosso”, ci sono alcune cose che saltano all’occhio.

  • Il tasso di crescita anno su anno è in riduzione
  • Gran parte dei ricavi arrivano da un singolo prodotto (l’iPhone), che ora però sta vedendo ridursi le vendite.

Il tema dell’iPhone è sicuramente il punto chiave delle prospettive di Apple: gli “ottimisti” sottolineano che è una flessione naturale, dato che come tipo di prodotto probabilmente tende a concentrare le vendite al momento del lancio, e quindi le vendite torneranno a salire con il lancio del nuovo iPhone 5 a settembre.

Di contro, però, viene da notare anche come molti analisti e commentatori tendano un po’ a dimenticare il fatto che Apple non da sola sul mercato, e si moltiplicano gli smartphone ed i tablet in grado di fare concorrenza ai prodotti di Apple (e a superarli da molti punti di vista). Si tratta a nostro parere di una distorsione americano-centrica del punto di vista degli analisti, che molto spesso tendono a dare per scontato che il resto del mondo funzioni esattamente come gli USA. Così non è, e se è vero che l’Asia è il continente dove i ricavi di Apple sono cresciuti di più, allo stesso tempo è vero che i mercati come Asia ed Europa sono forse più “sensibili” alla concorrenza portata da produttori quali ad esempio Samsung: e forse qualche analista trascura che la gran parte dei ricavi di Apple arrivano da fuori dagli USA.

 

 

apple-jun12-earnings-chart

 

Da 9to6Mac: ripartizione dei ricavi di Apple per continente:

apple-q4f11-asia-pacific-region

 

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]