L’indennità di disoccupazione disincentiva la ricerca del lavoro?

1 Flares 1 Flares ×

L’indennità di disoccupazione viene talvolta “accusata” di essere una forma di disincentivazione dalla ricerca del lavoro: nel più classico dei meccanismi di moral hazard, c’è chi ritiene che maggiore è la indennità di disoccupazione, minore è lo sforzo che uno impiegherà per trovare un nuovo lavoro.

Una ricerca approfondisce questo tema, andando a vedere il caso pratico dell’Italia ed in particolare cosa è successo a cavallo del 2001, quando è stato elevato l’importo (salito dal 30 al 40% dell’ultima retribuzione) e aumentando la durata massima (per gli ultra-cinquantenni, da 6 a 9 mesi).

Contrariamente alle aspettative di cui dicevamo all’inizio, l’aumento dell’importo del sussidio non ha comportato alcun  “prolungamento del periodo di percezione”.

L’estensione di 3 mesi della  durata potenziale del  sussidio evidenzia invece un incremento medio del periodo di percezione del sussidio di circa 1 mese (il confronto per maggiore significatività è stato fatto tra  beneficiari poco  sopra e poco sotto la soglia dei 50 anni), ma in ogni caso significativamente

I dati della ricerca sono importanti, perché il sussidio di disoccupazione può svolgere una funzione importante, fungendo da “assicurazione” sul posto di lavoro e offrendo una garanzia per il reddito.

I ricercatori però mettono le mani avanti sulle conclusioni ottenute, soprattutto in merito agli effetti dell’importo: infatti per quanto sia aumentato, è rimasto ad un livello sostanzialmente molto basso rispetto alla normale retribuzione.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]