0 Flares 0 Flares ×

Abbiamo spesso ripetuto come il contenimento e la riduzione del debito pubblico siano una priorità. Dobbiamo però dare atto che un eccesso di austerità può portare almeno altrettanti danni.

E’ quello che sottolineano diversi analisti guardando in particolare alla Spagna, dove la disoccupazione sta raggiungendo livelli decisamente alti (vicini al 25%), e che per alcuni commentatori presenta una situazione ancora più grave che la Grecia.

Va detto che però la Spagna è “accusata” anche di non avere fatto molto per ridurre il proprio debito pubblico (la Grecia, con i massicci tagli apportati, era vicina ad un avanzo primario).

Oltre alla disoccupazione, nel caso spagnolo c’è il peso del debito privato che è molto più elevato di quello greco (gli italiani, per confronto, rimangono risparmiatori netti), che rischia di trascinare a fondo l’economia. Nel caso della Spagna, la politica di austerità rischia di essere controproducente, dato che per “rientrare” del debito privato sarebbe necessaria una crescita economica.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]