0 Flares 0 Flares ×

Mentre l’attenzione è centrata sulle banche italiane, è passata relativamente sotto silenzio la notizia di un’analisi dell’istituto tedesco di ricerca economica (Deutsche Institut für Wirtschaftsforschung), che stima che il sistema bancario tedesco è sottocapitalizzato per circa 127 miliardi di euro.

Se il dato fosse confermato, c’è da un lato il rischio che si generi un’ulteriore ondata di panico sui mercati, dall’altro (e forse più preoccupante) c’è il rischio che si verifichi una sorta di “crisi di liquidità”, dato che potrebbe verificarsi che le banche abbiano maggiori difficoltà a raccogliere risorse (in quanto percepite come “meno solide”) e di conseguenza a prestare capitali. Non solo a famiglie ed imprese, ma anche ad altri soggetti finanziari.

In altre parole, sembra abbastanza rischioso sperare che le banche tedesche possano permettersi di esporsi troppo per “salvare” il sistema bancario europeo, o anche impedire il default della Grecia, che in quest’ottica appare sempre più probabile. E forse neppure sarebbe un male enorme, dato che abbiamo l’impressione che la paura del default e lo sforzo per impedirlo abbia fatto più danni dello stesso eventuale default.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

Comments are closed.