1 Flares 1 Flares ×

Le proteste in Grecia sono comprensibili, dato che non è certo “piacevole” il programma di tagli che sta varando il governo Greco. Un programma di tagli che inevitabilmente  andrà a pesare sulla crescita, togliendo capacità di spesa (e quindi di creare domanda) da parte delle famiglie, e mettendo probabilmente in difficoltà alcune fasce deboli.

Ma come molte proteste, manca un aspetto fondamentale. È facile dire cosa non va, ma non basta: quali sono le alternative ai tagli previsti dal Governo? Una protesta che non propone alternative “concrete”, è solo uno sfogo di frustrazione.

Non si può semplicemente dire “sarebbe meglio che i tagli non ci fossero”: la Grecia è finita nella situazione in cui è per colpa di una cattiva politica, e a nostro parere sarebbe in condizioni ben peggiori se fosse stata al di fuori dell’Euro, per i motivi di pressione sulla moneta che abbiamo di cui abbiamo più volte scritto.

L’idea che qualcuno ha lanciato, e cioè che la Grecia potrebbe non ripagare i debiti, potrebbe certamente evitare l’esborso, ma ovviamente avrebbe l’effetto collaterale che nessuno poi si fiderebbe della Grecia come debitore, e nessuno le presterebbe quindi capitali in futuro: uno scenario che è difficile non pensare porterebbe rapidamente al collasso economico.

Anche l’accusa di “speculazione” alla Germania, basata sul fatto che il prestito prevede un tasso di interesse del 5% (elevato ma molto minore di quello che i mercati “concedono” alla  Grecia) non tiene conto del fatto che un prestito alla Grecia è comunque un prestito ad elevato rischio, e non è così remota l’ipotesi che i 110 miliardi di Euro possano non essere restitiuiti, quantomeno secondo le condizioni previste, al FMI e ai Paesi UE. Che non se la passano così bene, e ci si può aspettare che siano così disponibili a rischiare di perdere qualche miliardo di euro a cuor leggero.

Detto questo, è chiaro che la questione può essere “come” fare i tagli, ma i margini di manovra potrebbero non essere così ampi come qualcuno si sforza di credere.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

Comments

  1. Il problema è che quando la gente va a votare, vota quello che gli propone i vantaggi maggiori per sé stessi nell’immediato: per cui se sei un imprenditore, voti quelli che promettono tagli alle tasse e più libertà per le imprese, se sei un dipendente, voti quelli che promettono meno tasse e più tutela per i lavoratori.
    Ma nessuno glie ne frega niente del fatto che le promesse che vengono fatte siano sostenibili. E alla fine succedono i patatrac: ma la colpa è di chi ha votato, che non si è preoccupato di pensare, e di informarsi.
    Dite: ma la gente è ignorante. Ok, questo spiega il perché, ma non esime dalle conseguenze.

  2. Io credo invece che si dovrebbe cominciare da chi ha avuto la pensione troppo presto e chi ha avuto o ha ancora grossi privilegi prima di chiedere sacrifici alla collettività, altrimenti è normale che si rischi violenza e altro…

Comments are closed.