0 Flares 0 Flares ×

Dal prossimo 26 maggio sarà obbligatorio per tutte le banche determinare (e comunicare al pubblico) l’Indicatore Sintetico di Costo (ISC) per i Conti Correnti. Si tratta di una misura introdotta dalla nuova normativa della Banca d’Italia, orientata a migliorare la trasparenza delle spese dei conti, che spesso (come abbiamo già più volte sottolineato in passato) erano disomogene e pertanto diventava difficile confrontare i costi dei conti correnti.

In anticipo rispetto alla scadenza prevista per legge, ING Direct ha già reso noto l’ISC di Conto Corrente Arancio (che, lanciato poco meno di un anno fa, conta oggi oltre 70.000 clienti), pari a zero per tutti i sei profili di utilizzo previsti da Banca d’Italia.

Profili previsti da Banca d’Italia ISC di ING DIRECT
1. Giovani € 0
2. Famiglie con operatività bassa € 0
3. Famiglie con operatività media € 0
4. Famiglie con operatività elevata € 0
5. Pensionati con operatività bassa € 0
6. Pensionati con operatività media € 0

L’ISC per i conti correnti è un importante passo in avanti per la trasparenza verso i risparmiatori, un tema cui ING DIRECT è attenta da sempre – afferma Bernd Geilen, General Manager di ING DIRECT Italia Questo indicatore consentirà il confronto omogeneo tra conti e faciliterà il risparmiatore nell’individuazione della migliore offerta sul mercato, stimolando la concorrenza e la mobilità dei risparmiatori. Grazie al nostro modello di business low cost, siamo in grado di essere molto competitivi anche sul fronte dei conti correnti e offrire condizioni vantaggiose e attraenti per i clienti, che possono avere un conto corrente completo di tutte le funzionalità a ISC completamente zero”.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

banknosie.comBanche, Risparmio, Investimenti e Tradingconto corrente,conto corrente arancio,ING Direct,ISCDal prossimo 26 maggio sarà obbligatorio per tutte le banche determinare (e comunicare al pubblico) l’Indicatore Sintetico di Costo (ISC) per i Conti Correnti. Si tratta di una misura introdotta dalla nuova normativa della Banca d'Italia, orientata a migliorare la trasparenza delle spese dei conti, che spesso (come abbiamo...Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti