0 Flares 0 Flares ×

Un articolo dell Wall Street Journal sul “caso Goldman Sachs” ha attirato qualche polemica per come viene posta la questione. Il punto dell’articolo è che, sostanzialmente il comportamento di Goldman Sachs non sarebbe più di tanto censurabile, perché non si tratta di una vera e propria frode, ma semplicemente di aver descritto in modo non corretto alcune emissioni di derivati, peraltro destinate ad “alcuni degli investitori più ‘sofisticati’ e competenti al mondo”.

Ora, se la questione fosse che Goldman Sachs deve essere considerata innocente finché non viene dimostrata l’accusa,  il discorso sarebbe condivisibile. Ma pretendere che fornire informazioni imprecise o ometterne sia un comportamento legittimo, pare a dir poco una forzatura: se una fornire informazioni distorte riguardo prodotti finanziari non è “una truffa”, allora cos’è?

C’è un’equivoco di fondo in cui cadono alcuni, che sembrano confondere il difendere il mercato come sistema economico, con il difendere i soggetti che lo compongono. La trasparenza e la correttezza delle informazioni non è un orpello ambito da chi vuole imporre strette regolamentazioni al mercato e — come dice qualche commentatore USA — “comunistizzarlo”, ma un requisito di un sistema mercato. Anzi, a ben vedere, è proprio un sistema di mercato che non può accettare falsificazioni delle informazioni, dato che i singoli (che sono il “motore” di questo tipo di sistema) prendono decisioni su di esse. Informazioni distorte sono semmai tollerabili, al contrario, in un sistema con un certo grado di centralizzazione, dato che si può assumere che il decisore centrale abbia accesso ad informazioni più complete, ed in ogni caso le decisioni prese dai singoli sulla base delle informazioni incomplete/errate non sono determinanti.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

banknosie.comBanche, Risparmio, Investimenti e Tradingfinanza,Goldman Sachs,mercati,trasparenza,wsjUn articolo dell Wall Street Journal sul 'caso Goldman Sachs' ha attirato qualche polemica per come viene posta la questione. Il punto dell'articolo è che, sostanzialmente il comportamento di Goldman Sachs non sarebbe più di tanto censurabile, perché non si tratta di una vera e propria frode, ma semplicemente...Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti