Aboliamo le informative sulla privacy, per favore

0 Flares 0 Flares ×

Le motivazioni della condanna dei dirigenti di Google nel ben noto caso Vividown, pubblicate da poco, sono sostanzialmente riconducibili ad una inadeguata informativa sulla privacy e agli obblighi di chi carica un video.

Personalmente, trovo che suoni un po’ come condannare un supermercato perché non fa firmare una dichiarazione a chi compra un coltello in cui dichiara di sapere che non deve usarlo per accoltellare persone (e assolvere l’accoltellatore, come è avvenuto nel caso del ragazzo Down).

In generale, però, torna il “problema” delle informative sulla privacy e contrattuali, di cui abbiamo già parlato in passato. La soluzione è semplice: aboliamole. Non è una provocazione: sono orpelli totalmente inutili, dato che oggettivamente nessuno li legge. Perché non sono leggibili né comprensibili, dato che se fatte a norma di legge dovrebbero essere lunghe pagine e pagine. Contenendo precisazioni e irrilevanti e nascondendo invece le questioni principali. E perché finisce che autorizzano a fare qualunque cosa con i dati, poiché le aziende vogliono evitare rischi.

Peraltro, le informative sulla privacy complicano la vita solamente a chi cerca di rispettare la legge (comportando costi significativi — anche in termini di consulenze legali), e sono totalmente inutili contro chi della legge se ne infischia (come è dimostrato dall’enorme quantità di spam che sicuramente anche voi ricevete).

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

2 pensieri su “Aboliamo le informative sulla privacy, per favore”

  1. Un aspetto (fra i tanti) che rende quella sentenza agghiacciante è che i bulli pare che non siano nemmeno stati espulsi dalla scuola.
    Fra gli aspetti terribili del nostro paese spicca il fatto che i comportamenti davvero delinquenziali spesso non vengono puniti.
    Mentre viene punito altro :(.

I commenti sono chiusi.