0 Flares 0 Flares ×

Oggi e domani (23 e 24 marzo) si svolge a Milano il Forum di ABI Lab, il Consorzio per la Ricerca e l’Innovazione per la Banca dell’ABI, nel corso del quale sarà presentato il rapporto “Scenario delle tecnologie in banca”.  Quello delle banche è il comparto che investe di più in nuove tecnologie, totalizzando circa il 25% degli investimenti complessivi in Information Technology. Abbiamo già avuto modo di vedere in passato come le nuove tecnologie vengano considerate un elemento strategico da parte delle banche per migliorare sostanzialmente l’efficienza dei processi, ed è il motivo per cui la maggior parte delle banchenon hanno rinunicato ad investimenti (che sono in molti casi anche aumentati rispetto al passato) nonostante il momento non certo facile.

Degno di nota il fatto che le banche considerano sempre più le esigenze dei clienti come fattore determinante per avviare innovazioni organizzative e/o di processo. E circa un terzo delle banche  coinvolge direttamente i clienti nella fase di sviluppo di nuovi servizi innovativi, sfruttando in molti casi strumenti interattivi come le community online ed i social network. Anche se dal grafico di ABI, emerge come le idee innovative siano comunque figlie soprattutto di processi inteni, legati alla volontà ed al committement del top management.

Contributo dei diversi attori nella fase di sviluppo di un'idea innovativa
Contributo dei diversi attori nella fase di sviluppo di un'idea innovativa

Sorprende un po’ il basso coinvolgimento dei centri di Ricerca e Sviluppo, che dovrebbero essere deputati proprio allo sviluppo di idee innovative. Il dato può essere spiegato come dovuto all’assenza di centri di Ricerca e Sviluppo all’interno delle banche: in caso contrario (cioè, se vi è un centro R&S ma non viene coinvolto), mostrerebbe un approccio all’innovazione non adeguatamente strategico.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

Comments are closed.