0 Flares 0 Flares ×

ciao mark volevo chiederti info sul default degli stati: pensi che ci sarà a breve qualche default in europa? è probabile che ciò succeda anche in italia? e cosa succederebbe in caso succeda? è probabile che lo stato si appropri dei conti correnti dei cittadini? è probabile che pensionati e dipendenti pubblici non percepiscano più soldi?

Per rispondere alla domanda è necessario partire dalla seconda parte, dato che bisogna innanzi tutto tenere presente che “default” è un termine che in realtà non definisce una situazione del tutto univoca. O meglio: descrive il fatto che il debitore non è in grado di ripagare il debito, ma chiaramente questo può avvenire con livelli di gravità diversi. Se due debitori hanno ricevuto in prestito 100 ciascuno, e non sono in grado di restituirli, ma uno restituisce 99 e l’altro invece 0, in entrambi i casi si tende a parlare di default, ma è evidente che si tratta di due situazioni estremamente diverse.

Per questo, quello che viene chiamato default di uno Stato può concretizzarsi in modi ben diversi. Un eventuale default si  concretizza in una “ristrutturazione” del debito pubblico, ad esempio ritardando i pagamenti e allungando le scadenze (es. uno Stato “decide” che per sei mesi non rimborsa il debito, anche se in scadenza – cioè un Titolo di Stato  che scade oggi viene effettivamente rimborsato tra sei mesi), oppure lo rimborsa sotto la parità – di un Titolo di valore 100 rimborsa solo 80. E’ molto improbabile che il Titolo non venga rimborsato del tutto. In questi casi, tra l’altro, tende spesso ad intervenire il Fondo Monetario Internazionale, con prestiti che cercano di favorire la ristrutturazione del debito.

Un default riguarda quindi direttamente chi detiene il debito (i titoli di stato), e non figure come pensionati e dipendenti pubblici, tanto più che (in teoria) enti previdenziali ed enti pubblici hanno una loro contabilità e delle loro risorse che fanno (almeno fino ad un certo punto) da ammortizzatore. In altre parole, per capirci: perché i pensionati non percepiscano più soldi, deve esserci il default dell’INPS, che non è detto che venga automaticamente causato da un ipotetico default dello Stato.

L’eventualità che uno Stato si appropri dei conti correnti dei cittadini direi che è più che remota (anche se in situazioni critiche c’è sempre la tendenza di tasse patrimoniali una-tantum). Uno Stato che facesse qualcosa del genere difficilmente potrebbe godere della minima fiducia dentro o fuori i confini: il che non va visto come un fatto che riguarda il benessere, ma semplicemente renderebbe praticamente impossibile trovare potenziali acquirenti per il debito e/o controparti commerciali.

In realtà i problemi “diffusi” in caso di default si hanno in relazione alla “fuga” dei creditori dello Stato, che va a generare una pressione sulla moneta nazionale, causando una serie di effetti collaterali che vanno ad aggravare il default. Inoltre, storicamente un default viene in parte affrontato “annacquando il debito, cioè  ripagato stampando moneta e facendo aumentare l’inflazione. E’ interessante tenere presente che nel caso di uno Stato dell’Area Euro questi due effetti potrebbero essere ben diversi da quelle che sono le esperienze passate, dato che la pressione sui cambi potrebbe essere inferiore, e inoltre il singolo Stato potrebbe aver molto meno facilità nell’influenzare le politiche della Banca Centrale Europea.

Venendo alle probabilità che si abbia il default di un qualche paese Europeo, il “candidato” sotto osservazione in questo periodo è indubbiamente la Grecia: sebbene la probabilità sia giudicata “remota” da molti analisti, molti osservano che la Grecia sembra stia facendo il gioco pericoloso di essere convinta di un “salvataggio” da parte dell’Unione Europea (che la UE ha già dichiarato non ci sarà), e sembrerebbe non stia affrontando con il dovuto impegno le problematiche poste dai conti pubblici.

Per quanto riguarda l’Italia, chiaramente l’enorme debito pubblico del nostro Paese lo mette leggermente più a rischio di altri paesi più solidi, però direi che un default dell’Italia non è uno scenario probabile nel breve periodo.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

Ricerche Frequenti:

  • se lo stato non rimborsa un titolo cosa succede
banknosie.comBanche, Risparmio, Investimenti e Tradingdefault,Economia,finanza,titoli di statociao mark volevo chiederti info sul default degli stati: pensi che ci sarà a breve qualche default in europa? è probabile che ciò succeda anche in italia? e cosa succederebbe in caso succeda? è probabile che lo stato si appropri dei conti correnti dei cittadini? è probabile che pensionati...Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti