USA: record di insolvenze sulle carte di credito

0 Flares 0 Flares ×

I default sui pagamenti tramite carta di credito ha raggiunto il massimo degli ultimi 20 anni in USA. Si tratta di un fenomeno che era atteso, date le difficoltà del consumatore americano a fare quadrare i conti: infatti, molti americani devono ora fare i conti con la disoccupazione, una situaizone che certo non favorisce il regolare pagamento delle rate. Il Fitch’s Prime Credit Card Delinquency Index (che misura i pagamenti in ritardo di più di 60 giorni) ha raggiunto a gennaio il 4,04%, record assoluto (la media storica è sotto il 3%).

Per quanto prevista, però, coinvolge ora più direttamente nella crisi soggetti come American Express, che starebbe subendo ingenti perdite, ma anche di tutte le banche che emettono carte di credito che, a prescindere dall’effetto sui bilanci (che dovrebbe essere ridotto rispetto alle perdite già subite), potrebbero portare ad un ulteriore downgrade del rating di questi istituti finanziari, complicando così la raccolta di capitali.

Nonostante tutto però, la situazione forse non è drammatica come sembra, infatti sarebbero dati migliori di quelli che diversi analisti si aspettavano, soprattutto considerato l’oggettivo abuso nel ricorso al credito da parte dei consumatori americani.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]