0 Flares 0 Flares ×

Nonostante stia molto meglio di tante altre banche, JP Morgan ha dato un deciso taglio ai dividendi che assegnerà agli azionisti, decurtati di circa l’87% . Un’azione che mira a consolidare i conti della banca, permettendo un risparmio di circa 5 miliardi di dollari.

È quasi scontato dire che è un esempio che dovrebbe essere imitato da parte delle banche che hanno ricevuto aiuti, ma verrebbe da dire da tutto il settore finanziario, che ha certamente bisogno di consolidarsi, ed è molto più ragionevole che questo avvenga in primo luogo tramite un taglio dei dividendi piuttosto che a spese della collettività. Anche per il ben noto problema di moral hazard che abbiamo più volte discusso.

Tanto più che i mercati hanno dimostrato di apprezzare la scelta di JP Morgan, smentendo una volta per tutte quegli analisti che sostenevano che distribuire dividendi è un fattore fondamentale per attrarre investitori, e quindi raccogliere capitali. I mercati sembrano essere molto meno sciocchi e privilegiare la solidità in prospettiva. Ma si sa che le previsoni degli analisti vanno fatte entrare da un orecchio e uscire dall’altro…


Screenshot dell’andamento delle quotazioni di JP Morgan Chase & Co. (JPM) da finance.google.com

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]