0 Flares 0 Flares ×

È da un po’ che non parliamo di Zopa, il sistema di Social Lending “peer-to-peer”, un po’ distratti dalla crisi dei mercati finanziari. È il caso di tornare sull’argomento, dato che Zopa ha introdotto (ormai diverse settimane fa) una novità interessante: il “rientro rapido“.

Infatti, uno dei lati negativi del sistema di prestito di Zopa era proprio dato dal fatto che per gli investitori l’investimento rimaneva vincolato fino alla scadenza, cioè fin quando chi ha ricevuto il prestito non lo rimborsa. Uno svantaggio però legato alla natura stessa del Social Lending, dove infatti l’intervento di intermediari quali Zopa è minimo e la logica è quella del “prestito diretto fra persone”.

Con l’introduzione del “rientro rapido”, Zopa supera questo limite, migliorando molto la flessibilità per l’investitore, e diventando quindi probabilmente più “attraente”. Purtroppo, il “rientro rapido” non è gratuito, ma prevede una commissione fissa di 15 Euro più una commissione variabile pari allo 0,8% del capitale ritirato (8 Euro ogni 1.000, per dare un’idea). Certamente questo costo è uno svantaggio, ma Zopa non è da considerarsi un investimento “a vista”, ed in ogni caso i costi di uscita non sono neppure esagerati, soprattutto se confrontati con quelli previsti da molti fondi di investimento.

Banche e Risparmio [http://banche.blogspot.com]
Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

Banche e Risparmio ha cambiato indirizzo: aggiorna i tuoi link con il nuovo indirizzo www.banknoise.com!

Comments

  1. Ho aggiornato il titolo, dato che mi hanno fatto notare che per chi non sapeva di cosa stessimo parlando, poteva sembrare un invito a fuggire da Zopa…

    grazie a Roberto per la segnalazione.

Comments are closed.