Punire i colpevoli della crisi finanziaria? Stiamo attenti…

0 Flares 0 Flares ×

Sono in molti che chiedono di “punire i colpevoli della crisi” finanziara attuale, ed è anche uno dei punti emersi dal vertice francese di sabato.

Se mi permettete una provocazione, si tratta di un’idea sbagliata. Non tanto perché non debba essere punito chi si è comportato illegalmente, distorcendo o nascondendo le informazioni, che chiaramente deve essere giustamente perseguito, ma perché parte dall’assunto implicito che la crisi sia frutto di comportamenti illeciti di singoli. Chiaramente, singoli hanno approfittato della situazione forse aggravandola in misura più o meno significativa. Ma la crisi finanziaria attuale è il risultato di problematiche di fondo del sistema finanziario. Prima tra tutti, come abbiamo più volte ripetuto, la trasparenza, cui va aggiunto anche l’eccessivo “effetto leva” con cui molte finanziarie operano.

Il dilemma è che se da un lato se non si interviene sulle regole del sistema finanziario, si continuerà ad avere un sistema instabile. Dall’altro a tutti fa comodo il “credito facile”, senza contare che un cambiamento delle regole (soprattutto se condotto non perfettamente) quasi inevitabilmente rischia di causare una contrazione del credito. Più semplice allora cercare capri espiatori, forse.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

7 pensieri su “Punire i colpevoli della crisi finanziaria? Stiamo attenti…”

  1. Magari non solo singoli.. Ma anche intere istituzioni.. Come le agenzie di rating! Comunque da qualche parte (forse sul blog di Barry Ritholz) avevo letto un articolo in cui uno degli alti gradi di una delle banche d’investimento (Lehman?) aveva ricevuto degli ordini proprio in merito a certi investimenti e rating vari.. E quelli da cui ha ricevuto gli ordini lo sapevano che era molto pericoloso.. Quindi perche’ non punirli? Io di sicuro non ci sto a lasciarli salvare in questo modo…

  2. Magari non solo singoli.. Ma anche intere istituzioni.. Come le agenzie di rating! Comunque da qualche parte (forse sul blog di Barry Ritholz) avevo letto un articolo in cui uno degli alti gradi di una delle banche d’investimento (Lehman?) aveva ricevuto degli ordini proprio in merito a certi investimenti e rating vari.. E quelli da cui ha ricevuto gli ordini lo sapevano che era molto pericoloso.. Quindi perche’ non punirli? Io di sicuro non ci sto a lasciarli salvare in questo modo…

  3. Certamente, chi ha "sbagliato" deve pagare. Ma la crisi non c'è solo perché singoli individui e/o singole istituzioni hanno commesso illeciti: ci sono delle situazioni di fondo che vanno ripensate. Altrimenti come dicevo, il rischio è quello di trovare qualche capro espiatorio e non risolvere nulla.

    Il caso cui ti riferisci credo sia quello citato da Bloomberg (ne avevamo parlato anche qui: http://banche.blogspot.com/2008/09/le-prove-che-le-agenzie-di-rating-hanno.html), e l'agenzia di rating coinvolta non era nientepopodimeno che Standard & Poor.

  4. Certamente, chi ha "sbagliato" deve pagare. Ma la crisi non c'è solo perché singoli individui e/o singole istituzioni hanno commesso illeciti: ci sono delle situazioni di fondo che vanno ripensate. Altrimenti come dicevo, il rischio è quello di trovare qualche capro espiatorio e non risolvere nulla.

    Il caso cui ti riferisci credo sia quello citato da Bloomberg (ne avevamo parlato anche qui: http://banche.blogspot.com/2008/09/le-prove-che-le-agenzie-di-rating-hanno.html), e l'agenzia di rating coinvolta non era nientepopodimeno che Standard & Poor.

  5. Si è vero non occorre punire delle singole persone che spesso alla fine sono dei semplici “soldati” anche se in questi casi pagati profumatamente.
    Occorre rivedere le sistema dalla agenzie di rating al funzionamento delle banche.Alla fine sono stati osannati banchieri che riportavano Roe e bilanci stratosferici, ma nessuno si è mai chiesto prendendo che rischi?

  6. Si è vero non occorre punire delle singole persone che spesso alla fine sono dei semplici “soldati” anche se in questi casi pagati profumatamente.
    Occorre rivedere le sistema dalla agenzie di rating al funzionamento delle banche.Alla fine sono stati osannati banchieri che riportavano Roe e bilanci stratosferici, ma nessuno si è mai chiesto prendendo che rischi?

I commenti sono chiusi.