La crisi non è ancora finita: gli effetti sull'"economia reale"

0 Flares 0 Flares ×

Non voglio fare l’uccello del malaugurio, ma esattamente come scrivevamo qualche giorno fa che non era il caso di strapparsi i capelli, è ancora presto per cantar vittoria. Certo, auspicabilmente gli interventi dei governi riusciranno a sbloccare la liquidità del mercato (che con una ottima spiegazione Il Sole 24 Ore definisce paralizzato da tre tipi di banche: quelle che hanno paura per sè; quelle che hanno paura per le altre banche; quelle che vorrebbero speculare sulla paura).

Però serve ancora tempo per capire se i problemi di fondo saranno affrontati o meno ed in che modo. Le borse che recuperano l’11% dopo una settimana in cui hanno perso il 21%, è un buon segno, ma non si può dimenticare che il totale fa comunque -13% (tra l’altro, è bene ricordare che serve un +25% per compensare un -20%: in percentuale il salto da 80 a 100 è maggiore che da 100 ad 80).

Il problema a questo punto è a mio parere che cosa succederà all'”economia reale”, cioè al settore industriale. Non sono solo i privati americani ad aver abusato del credito (o essere stati spinti a farlo, se preferite), ma anche e soprattutto le aziende, che fanno un ricorso intensivo al credito per l’operatività. Il che vuol dire che se la stagionde del “credito facile” finisce, sono inevitabili conseguenze sul sistema produttivo, che potrebbe dover quindi diminuire il ricorso al credito, ma questo vuol dire almeno un minimo di ridimensionamento, che alla fin fine vuol dire recessione.

Curiosamente, questa situazione potrebbe aprire importanti opporunità all’Italia, che potrebbe trarre vantaggio dall’arretratezza (così era considerata fino a poche settimane fa) del sistema bancario ed imprenditoriale, che però potrebbe soffrire meno degli altri delle conseguenze della crisi. Sempre se fossimo un paese in grado di cogliere le opportunità.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

4 pensieri su “La crisi non è ancora finita: gli effetti sull'"economia reale"”

  1. Le aziende sono piu’ intelligenti dei privati solitamente.. Non penso siano cosi’ tante quelle che abbiano preso dei prestiti senza essere convinti di poterli ripagare.

  2. Verissimo: ma un conto è se la banca ti tira dietro il credito perché tanto “va bene così”, un altro è se te lo devi meritare e/o pagare. Già equilibrare i crediti/debiti a breve e quelli a medio/lungo non è uno scherzo, per molte imprese.

  3. non credo che le imprese siano tanto piu’ intelligenti… e’ solo che sanno che spesso la banca le rifinanzia per non farle saltare ..il problema e’ che tante aziende potrebbero rifinanziarsi a prezzi proibitivi.
    e comunque gli effeti sull”economia reale non tarderanno… basta cominciare a leggere qualche titolo…volvo licenzia 4.000 dipendenti
    pepsi cola 3.000 e chiude 6 stabilimenti.

  4. Le aziende in realtà non è che facciano tanti calcoli, fanno ricorso al credito perché ne hanno bisogno. Se riescono a ripagarlo bene, se no chiudono e tanti saluti… alla fin fine tutte le imprese che chiudono, chiudono proprio perché non riescono a ripagare i debiti. E in realtà credo siano molte più le aziende che fanno “default” che i privati…

I commenti sono chiusi.