21 Flares 21 Flares ×

Negli ultimi giorni le borse hanno registrato risultati decisamente pessimi, certamente motivati da aspettative di recessione, ma che rispetto al passato si fanno decisamente notare per la rapidità.

A che cosa è dovuta la violenza di questi movimenti? Un’interessante ipotesi è che la causa non sia solamente da attribuirsi alla recessione (che sta invece impattando sulle borse da ormai ben più di un anno), ma anche e soprattutto alla conseguenza del “deleveraging”, cioè alla riduzione della leva con cui i vari investitori operano.

Come ormai dovreste sapere, une delle principali cause della crisi finanziaria attuale è da ricercarsi nell’elevatissimo effetto leva utilizzato direttamente o indirettamente dagli istituti finanziari. Tanto per completezza, ricordiamo che operando “a leva”, in pratica si effettuano gli investimenti con soldi ricevuti in prestito (la leva è il rapporto tra questo capitale in prestito ed il capitale proprio), cosa che permette quindi di aumentare i guadagni… o le perdite.

Bene, in questo momento molti investitori starebbeo riducendo la leva, ma per farlo è necessario disinvestire. Il che vuol dire un grosso aumento dell’offerta. Tanto per spiegare a chi “non se ne intende” (con numeri fittizzi): se oggi uno utilizza 10 di capitale proprio e 100 di prestiti, e domani vuole utilizzare 10 di capitale proprio e 90 di prestiti, per farlo deve anche vendere 10 dei suoi investimenti.

A che cosa è dovuto questo deleveraging? Le cause in realtà sarebbero molteplici: da un lato c’è l’esigenza di ridurre il rischio, ma dall’altro c’è anche probabilmente una maggiore difficoltà ed un maggior costo per ottenere risorse con cui realizzare la leva, che quindi la rendono sconveniente. Il che ha come conseguenza che alcuni soggetti “pesanti” devono liberarsi velocemente di parte degli investimenti, con inevitabili conseguenze sui prezzi.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

banknosie.comborsa,finanza,levaNegli ultimi giorni le borse hanno registrato risultati decisamente pessimi, certamente motivati da aspettative di recessione, ma che rispetto al passato si fanno decisamente notare per la rapidità.A che cosa è dovuta la violenza di questi movimenti? Un'interessante ipotesi è che la causa non sia solamente da attribuirsi alla...Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti