Bilancio familiare? Si impara a gestire al centro commerciale

0 Flares 0 Flares ×

Vi segnalo un’iniziativa che va nel senso di “diffusione della cultura finanziaria“, di cui abbiamo spesso parlato, che ci è stata segnalata. Da sabato 18 ottobre, cinque località italiane saranno coinvolte nell’innovativo progetto “Itaca”, sostenuto da Tarida, studiato per raggiungere il grande pubblico interessato a conoscere in modo più approfondito, corretto e preciso le operazioni finanziare più diffuse.

L’appuntamento prenderà il via da Roma e Formia, per poi far tappa a Torino, Milano e Pomezia in cinque centri commerciali di grande transito: qui clienti e curiosi potranno ricevere gratuitamente consigli sulla gestione economica familiare, anche grazie alla guida “salva-rate” del “professor Ulisse”, mascotte dell’iniziativa che si propone di offrire tutte le informazioni per affrontare senza rischi il mondo del credito. Nei centri commerciali interessati saranno presenti dei “Mudi Point”, dove sarà possibile richiedere informazioni generali per la gestione del bilancio familiare. A questo si accompagna un numero verde che fornirà, sempre gratuitamente, suggerimenti su misura a tutti coloro che ne avranno bisogno.

Il progetto di Tarida nasce anche da una recente indagine condotta dalla Banca d’Italia sui bilanci delle famiglie: i dati emersi evidenziano come addirittura la metà del campione non sia neppure in grado di individuare il saldo nel proprio estratto conto. L’approccio innovativo di Tarida parte da questa consapevolezza e dalla considerazione che, in un momento nel quale le difficoltà economiche delle famiglie si fanno sempre più palpabili, sia necessario incrementare la conoscenza degli strumenti per affrontarle nel modo migliore.

«La crescita del credito alle famiglie in Italia – afferma Claudio Conigliani, presidente di Tarida – rappresenta uno dei fenomeni di maggior rilievo occorsi negli ultimi lustri, dal punto di vista sociale ed economico-finanziario. Esiste tuttavia un insieme di famiglie, di numerosità relativamente contenuta, ma niente affatto trascurabile, che si trova in una situazione di oggettiva criticità nella gestione di questo credito. L’attività di Tarida approccia quindi in maniera completamente nuova, originale e moderna queste criticità, fornendo un supporto di consulenza personalizzato, volto a fornire al consumatore soluzioni concrete».
Questi i centri commerciali coinvolti: Primavera a Roma, Itaca a Formia (Latina), 8 Gallery a Torino, Corte Lombarda di Bellinzago Lombardo a Milano,16 Pini a Pomezia (Roma).

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

Un pensiero su “Bilancio familiare? Si impara a gestire al centro commerciale”

  1. inanzitutto dovremmo imparare o meglio reimparare a risparmiare.
    dopo di che potremmo anche passare alla lezione numero due.

I commenti sono chiusi.