La speculazione e la vendita allo scoperto: attenzione a non confondere i problemi

0 Flares 0 Flares ×

Torniamo sul tema della speculazione e della vendita “al ribasso”, lo short selling, tecnica che secondo alcuni è responsabile della crisi finanziaria che si è sviluppata negli ultimi mesi. Vorrei spezzare una lancia in difesa di questa tecnica, che come saprete prevede la vendita di azioni o titoli che verranno acquistati in un secondo momento (se nel frattempo i prezzi scendono, il venditore realizza un guadagno).

Infatti lo short selling ha un ruolo importante in ambito finanziario, perché permette agli investitori di gestire il rischio. Tra l’altro, lo short selling esiste probabilmente da più di 400 anni (con casi documentati in Olanda nel 1600). Per certi versi, possiamo considerarlo una forma di assicurazione. Quindi il tema non dovrebbe essere se lo short selling sia giusto o sbagliato, ma al massimo prevenirne gli abusi (ma andrebbero prevenuti gli abusi anche al rialzo, non solo al ribasso).

Inoltre a mio parere si rischia di perdere di vista il problema principale, e cioè che i problemi sono stati piuttosto causati da mancanza di trasparenza, con derivati “esotici” il cui funzionamento è chiaro a ben pochi, e con fondi che non si capisce bene in cosa investano (val la pena ricordare che i titoli legati ai mutui subprime sono stati in molti casi finiti in portafogli che avrebbero dovuto contenere investimenti di tutt’altro tipo).

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

3 pensieri su “La speculazione e la vendita allo scoperto: attenzione a non confondere i problemi”

  1. Condivido la tua posizione…poi, se andiamo a vedere, gli shortisti aiutano le banche a ricomprarsi le azioni dei cassettisti in periodi come questo.

    Come si crea valore dal nulla non vedo perchè non possa essere distrutto.

    Trasparenza: sulla carta sarebbe bella…peccato rimanga solo su quella.

    Un saluto,
    mi

  2. Condivido la tua posizione…poi, se andiamo a vedere, gli shortisti aiutano le banche a ricomprarsi le azioni dei cassettisti in periodi come questo.

    Come si crea valore dal nulla non vedo perchè non possa essere distrutto.

    Trasparenza: sulla carta sarebbe bella…peccato rimanga solo su quella.

    Un saluto,
    mi

I commenti sono chiusi.