0 Flares 0 Flares ×

Probabilmente molti di voi avranno già sentito la notizia che il Consiglio comunale che ha approvato la creazione di una nuova moneta, lo Scec, che affiancherà l’euro con lo scopo di creare un circuito commerciale locale a favore di consumatori e piccoli punti vendita.

In realtà, va detto, non è proprio chiarissimo come funzionerà il meccanismo: possiamo immaginare che funzioni come il progetto Scec che è già nato da qualche anno a Napoli, in cui gli Scec non sono una vera e propria moneta “autonoma”, ma possono essere utilizzati solo come sconto fino ad una determinata percentuale del pagamento: ad esempio, formalmente accade che il negoziante (convenzionato) faccia, mettiamo, il 20% di sconto a chi possiede gli Scec e quindi questi paghi 80 in Euro e 20 in Scec. Ma dato che gli Scec sono “riutilizzabili”, sono decisamente più che dei semplici “buoni sconto” ma un vero e proprio strumento di pagamento.

Si tratta di un progetto interessante, che merita di essere seguito per vedere come si svilupperà e quali risultati porterà. Va detto, però, che ci sono anche alcuni rischi cui il progetto si espone, ma se volete sono anche “punti di interesse” del progetto, perché sarà molto interessante vedere come questi problemi saranno affrontati nella pratica.

  1. La moneta è comunque uno strumento di pagamento, il valore reale sta nei beni/servizi che vengono (solitamente indirettamente) scambiati: per cambiare realmente la ricchezza serve intervenire su questi ultimi, in altre parole sulla produttività.
  2. Il rischio di mettere in circolo moneta a cui non corrisponde una maggiore “ricchezza” espone al concreto rischio di inflazione. Il meccanismo rischia di essere lo stesso che si è avuto con alcuni finanziamenti “a pioggia” per l’acquisto di case (dove tutte o quasi le coppie che acquistavano casa ricevevano un finanzamento a fondo perduto in percentuale sul valore dell’abitazione) , il cui risultato è stato un aumento del valore degli immobili di percentuale pressoché pari al finanziamento.
  3. Per ultimo, i benefici degli Scec potrebbero essere più per i commercianti che per i consumatori: infatti questi ultimi, trovandosi degli Scec in mano, dovrebbero per forza utilizzarli presso esercizi convenzionati, a prescindere dalle loro preferenze (e incentivando i rischi di inflazione di cui dicevamo).

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

banknosie.comEconomia,italia,moneta,scec,trentoProbabilmente molti di voi avranno già sentito la notizia che il Consiglio comunale che ha approvato la creazione di una nuova moneta, lo Scec, che affiancherà l'euro con lo scopo di creare un circuito commerciale locale a favore di consumatori e piccoli punti vendita.In realtà, va detto, non è...Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti