Cos'è la borsa?

0 Flares 0 Flares ×

Mi sono arrivate un paio di e-mail con domande molto “basic” su che cos’è la borsa e su alcuni “miti” che aleggiano intorno ad essa. Cercherò di rispondere ad alcune domande, nel modo più semplice possibile.

Cosa sono le azioni?
Le azioni sono quote del capitale di un’azienda. Comprando un’azione si diventa soci dell’azienda: infatti si potrebbe anche votare alle assemblee degli azionisti per designare gli amministratori, ecc.

Qual’è il prezzo giusto di un’azione? Perché le azioni aumentano e diminuiscono di prezzo?
In teoria, il prezzo “giusto” è dato dal “valore attuale” della quota dei profitti futuri dell’azienda che spetterebbero al proprietario dell’azione. Chiaramente nella pratica questo “valore attuale” è solamente ipotetico e cambia in continuazione a seconda dei fattori che influenzano le prospettive della società (ad esempio, condizioni economiche dei paesi in cui la società compra o vende, costo delle materie prime, innovazioni e nuovi prodotti che entrano sul mercato, ecc.).
I motivi per comprare un’azione sono fondamentalmente due: la convinzione che la società renderà più di quello che la quotazione in quel momento dell’azione implica, oppure la convinzione che poi si potrà rivendere l’azione a qualcuno che ce la pagherà più di quanto l’abbiamo pagata noi: in questo secondo caso però il “gioco” è molto più rischioso, se l’aumento di valore non è giustificato.

Come viene fissato il prezzo delle azioni?
Le azioni vengono scambiate sul mercato azionario: il prezzo viene determinato dalla contrattazione tra chi vende e chi compra. In generale, se ci sono più compratori che venditori, il prezzo tenderà a salire, mentre se ci sono più venditori che compratori, tenderà a scendere. C’è un particolare che deve far riflettere: sia chi compra che chi vende è solitamente convinto di aver fatto un affare.

In borsa si può guadagnare solo se qualcun altro perde?
Non è detto: se le condizioni economiche complessive migliorano, e quindi anche le prospettive di guadagno per le società, il valore complessivo totale aumenta nel tempo, quindi in media dovrebbero esserci più guadagni che perdite.

E’ vero che in borsa, nel lungo periodo, si guadagna sempre?
E’ probabilmente abbastanza vero riferito ad una media della borsa in lunghi/lunghissimi periodi e confrontando con investimenti alternativi, ma va tenuto presente che per particolari periodi anche non brevi ci si può trovare in perdita, soprattutto se si tiene conto dell’inflazione. Inoltre, delle società o degli interi settori possono svalutarsi molto, magari perché si esauriscono le loro prospettive.

Comprare un’azione che “costa poco” è un affare?
Non è detto: può darsi che la società sia sottovalutata, ma può benissimo essere che effettivamente la società abbia drasticamente peggiorato le prospettive future. E comunque, bisogna chiedersi anche perché qualcuno è disposto a vendere a prezzi tanto bassi, magari in perdiat.

E’ meglio stare lontani dalla borsa se non si è esperti?
Come sempre, è meglio evitare di mettere i propri soldi in cose che non si sa come funzionano. Questo non vuol dire però che si debba rinunciare a capire come funziona: si può approfondire l’argomento, ricercare informazioni, seguirla un po’, e poi magari iniziare a “giocare” in borsa con piccolissime cifre, giusto per capirne un po’ meglio i meccanismi, senza pretendere in questa primissima fase guadagni ma partendo dal presupposto che la cifra messa “in borsa” andrà perduta. Poi, se lo ritenete opportuno, potete investire cifre più rilevanti, ricordando però di diversificare in modo adeguato l’investimento del vostro capitale.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

8 pensieri su “Cos'è la borsa?”

  1. Non sono d’accordo sul giocare in borsa. In borsa si investe. Se si pensa alla borsa come una slot machine allora si che si perde e di brutto. Se si vuole investire in modo intelligente lo si può fare tenendo presente due fattori e precisamente: orizzonte temporale e soldi da investire.

    Compkimenti per il blog

  2. Non sono d’accordo sul giocare in borsa. In borsa si investe. Se si pensa alla borsa come una slot machine allora si che si perde e di brutto. Se si vuole investire in modo intelligente lo si può fare tenendo presente due fattori e precisamente: orizzonte temporale e soldi da investire.

    Compkimenti per il blog

  3. Più che giusto il discorso in borsa non si gioca, ma si investe!

    Infatti nel post intendevo “giocare” nel senso che uno all’inizio non dovrebbe mettere grosse cifre e partire dal presupposto che quei soldi li perderà, come una sorta di corrispettivo delle lezioni che imparerà “smanettando”.

    Ma è ovvio che non può essere che si vada avanti così: la borsa è giustamente un modo per investire, non per giocare.

  4. Più che giusto il discorso in borsa non si gioca, ma si investe!

    Infatti nel post intendevo “giocare” nel senso che uno all’inizio non dovrebbe mettere grosse cifre e partire dal presupposto che quei soldi li perderà, come una sorta di corrispettivo delle lezioni che imparerà “smanettando”.

    Ma è ovvio che non può essere che si vada avanti così: la borsa è giustamente un modo per investire, non per giocare.

  5. La borsa è un luogo in cui si può investire tutto quello che si può perdere..non un €uro in più..
    Tutto è pilotato..ti svegli signor mark75?..

  6. La borsa è un luogo in cui si può investire tutto quello che si può perdere..non un €uro in più..
    Tutto è pilotato..ti svegli signor mark75?..

  7. Tutto è pilotato. E quindi? Quel che possiamo fare è solo cercare di capire un po’ di più come il sistema funziona, e cercare di approfittare a nostro vantaggio nel nostro piccolo quando ci sono delle opportunità per noi.

    Comunque, se tutto è pilotato, semplicemente bisogna tenerne conto, è una variabile da considerare, non è per forza un ostacolo, semplicemente devi operare (non solo in borsa…) in linea con quelli che sono gli interessi delle “mani forti”.

    Purtroppo tutto non è così chiaramente pilotato, perché sennò sarebbe molto più facile salire sul carro dei vincitori e scendere da quello dei perdenti.

    So che è può sembrare visione un po’ utilitaristica e gretta, ma non è una questione di mancanza di idealismo, quanto piuttosto di sopravvivenza. Poi se c’è possibilità di migliorare il sistema, ben lieto, ma non mi pare ci siano sistemi completamente diversi che possono sostituire quello che abbiamo. Possiamo solo (e dobbiamo) cercare di affinare e apportare piccoli miglioramenti a quello che c’è.

  8. Tutto è pilotato. E quindi? Quel che possiamo fare è solo cercare di capire un po’ di più come il sistema funziona, e cercare di approfittare a nostro vantaggio nel nostro piccolo quando ci sono delle opportunità per noi.

    Comunque, se tutto è pilotato, semplicemente bisogna tenerne conto, è una variabile da considerare, non è per forza un ostacolo, semplicemente devi operare (non solo in borsa…) in linea con quelli che sono gli interessi delle “mani forti”.

    Purtroppo tutto non è così chiaramente pilotato, perché sennò sarebbe molto più facile salire sul carro dei vincitori e scendere da quello dei perdenti.

    So che è può sembrare visione un po’ utilitaristica e gretta, ma non è una questione di mancanza di idealismo, quanto piuttosto di sopravvivenza. Poi se c’è possibilità di migliorare il sistema, ben lieto, ma non mi pare ci siano sistemi completamente diversi che possono sostituire quello che abbiamo. Possiamo solo (e dobbiamo) cercare di affinare e apportare piccoli miglioramenti a quello che c’è.

I commenti sono chiusi.