0 Flares 0 Flares ×

BNL (gruppo BNP Paribas) sta promuovendo un nuovo conto corrente, “BNL Revolution”. Si tratta di un conto di cui val la pena parlare, sia perché dato che si sente spesso la pubblicità, in diversi sono curiosi di capirne qualcosa in più, ma anche perché che credo possa rientrare in quelle “risposte” delle banche tradizionali alla pressione competitiva crescente delle banche online che avevamo più volte atteso.

Quello che caratterizza BNL Revolution è che indubbiamente nasce come conto che incentiva l’operatività online. Infatti il conto corrente è a canone zero finché si utilizzano i servizi della banca via internet o telefono, ma se invece si fanno operazioni allo sportello, viene addebitato un canone fisso di 6,90 Euro mensili, per ciascun mese in cui si sono fatte operazioni a sportello.
In ogni caso, l’operatività via internet conviene, dato che dovrebbe essere possibile effettuare gratuitamente bonifici, pagamenti ICI e simili, eccetera. Ho scritto “dovrebbe” perché il foglio informativo genera un po’ di confusione su questo, dato che da una parte scrive che BNL Revolution comprende la possibilità di fare gratuitamente bonifici, dall’altra scrive che e-family BNL (la funzionalità di banca online) prevederebbe 0,65 euro per un bonifico ad un altro conto BNL o 1,00 euro per un bonifico ad un altra banca. Immagino comunque che questo sia più che altro un problema derivante dall’aver alla fine unito fogli informativi di servizi diversi, che spero BNL sistemi almeno aggiungendo qualche nota che eviti dubbi.

Un altro aspetto interessante è che il canone di 6,90 euro mensili previsto in caso di operazioni allo sportello, viene comunque azzerato se il titolare ha meno di 27 anni (attenzione, però: vuol dire che tutti gli eventuali co-intestatari devono avere meno di 27 anni). La cosa non è assolutamente sciocca, dato che i più giovani sono solitamente anche quelli che più spesso fanno operazioni a sportello, non tanto per scarsa familiarità con la tecnologia, ma piuttosto perché sono quelli che più spesso sono pagati in contanti e con assegni, per lavori “saltuari”, che rende necessario recarsi nella filiale della banca per versare i contanti o l’assegno.

Per ultimo: BNL Revolution prevede tasso di interesse attivo praticamente nullo, 0,10%. Si tratta di un limite, che però credo dimostra come l’obiettivo è fare concorrenza alle banche tradizionali, e non confrontarsi con le offerte di banche online come IWBank, Fineco, We@Bank o WebSella, che credo di poter dire siano più convenienti.

Ciononostante, BNL Revolution può comunque essere interessante per chi non è interessato più di tanto agli interessi attivi (magari perché non tiene molti soldi sul conto corrente) e vuole comunque un conto online a costi (quasi) zero, con la “tranquillità” di poter rivolgersi ad uno sportello in caso di bisogno.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

banknosie.combanche,banche online,bnl,bnp paribas,conto corrente,opinioniBNL (gruppo BNP Paribas) sta promuovendo un nuovo conto corrente, 'BNL Revolution'. Si tratta di un conto di cui val la pena parlare, sia perché dato che si sente spesso la pubblicità, in diversi sono curiosi di capirne qualcosa in più, ma anche perché che credo possa rientrare...Opinioni e commenti su economia e finanza, investimenti e prestiti