0 Flares 0 Flares ×

Stamattina sentivo alla televisione dell’ennesimo sfogo di un qualche politico sui comportamenti scorretti di grandi aziende (in questo caso petrolifere) che creano “cartelli” per tenere i prezzi artificialmente alti, anziché competere sul mercato in modo concorrenziale.
Senza voler entrare nella qustione specifica, non posso fare a meno di notare come molto (troppo?) spesso si parli di mercato senza cognizione di causa.

Vediamo di ricordare che caratteristiche ha il modello economico del mercato concorrenziale:

  • i compratori e i venditori sono piccoli e indipendenti tra di loro;
  • l’inserimento di nuovi prodotti è semplice (non ci sono barriere all’entrata);
  • tutti i partecipanti al mercato sono in ogni momento informati delle opportunità che il mercato offre (cioè sono in grado di scegliere il prodotto realmente più conveniente);
  • esiste facilità di movimento di capitali da un settore ad un altro (si può “cambiare lavoro” se conviene)

in queste condizioni, il prezzo viene determinato dal rapporto domanda-offerta, con tutti i conseguenti vantaggi (ma anche svantaggi, che non abbiamo spazio di approfondire qui).

Com’è facile intuire, si tratta di un modello teorico, che molto raramente si può riscontrare in pratica: nonostante questo, ci possono essere situazioni in cui effettivamente questo modello può essere una buona approssimazione.

Nel caso dei mercati come quelli dei carburanti o delle assicurazioni, però, siamo estremamente lontani da questo modello teorico. Infatti:

  • i venditori sono pochi (anche perché ci sono grosse economie di scala, dato ad esempio nel caso dei carburanti, che i costi aumentano in modo molto meno che proporzionale all’aumentare della quantità di petrolio raffinato);
  • ci sono grosse barriere all’ingresso, dovute agli investimenti necessari in impianti;
  • spesso i consumatori non si preoccupano di scegliere le condizioni più convenienti per mancanza di informazioni (ma facciamo un po’ di autocritica: è anche in parte colpa di noi consumatori che spesso non le cerchiamo), ad esempio non scelgono il distributore dove costa meno, o la polizza con le condizioni più convenienti.

In queste condizioni si ha un tipico oligopolio, e la teoria economica dice che in uno scenario del genere i venditori non competono sul prezzo – e infatti, i “benzinai” ad esempio competono sulle promozioni, raccolte punti e premi vari.

Di conseguenza, è abbastanza sterile limitarsi a dipingere le grosse aziende come “cattive”: piuttosto bisognerebbe iniziare a studiare dei meccanismi che incentivino le aziende a assumere i comportamenti “desiderati”, che nascono spontanei. Non si tratta, chiaramente, di un problema semplice, dato che mentre nel mercato concorrenziale l’azienda abbassando i prezzi, anche di poco, guadagna di più (ampliando le quote di mercato), non è detto sia così nell’oligopolio.

Banche e Risparmio [http://www.banknoise.com]

Comments

  1. i couldn;t concur far more with the school thesis statement! additionally, blogs that are written like a rocket technology blueprint should flip readers away rapidly. These folks may genre for sure keywords, but in the extended run no one should examine it!

  2. Sources enjoy the one you spoken about proper here can almost certainly be really useful to me! I could distribute a link to this web page on my blog. I am sure my friends could discern which quite helpful. Large many thanks for the helpful info i found on Domain Facts Anyway, in my vocabulary, there aren’t much excellent provide prefer that .

Comments are closed.