0 Flares 0 Flares ×

L’argomento di oggi è una critica a ING e in paricolare a Conto Arancio, critica che si sta sempre più diffondendo in rete. Per quanto abbia una grossa stima di ING e di Conto Arancio, di cui peraltro sono cliente da tempo, che credo abbia il grandissimo merito di aver contribuito a diffondere il banking online ed i conti di desposito. Però ho l’impressione che Conto Arancio stia un po’ soffrendo ultimamente della “sindrome del leader”, comune in molti settori, dove accade che il primo della classe si adagi sugli allori e si lasci un pò alla volta superare dagli altri concorrenti, e questo post vuole nel suo piccolo contribuire ad alimentare una discussione che si sta sviluppando in rete e che si spera serva a stimolare ING a offerte più interessanti.

Dalla tabella riassuntiva che ho inserito nello scorso post, non si può non notare come Conto Arancio abbia attualmente un’offerta piuttosto deludente rispetto a tutti gli altri. Tanto più se (come credo sia corretto) si fa riferimento ai tassi di interesse “normali” e non a quelli promozionali.

Il 3% lordo di Conto Arancio è l’offerta più bassa tra tutte quelle presentate nella tabella, fatto salvo chiaramente IWBank che sul conto corrente dà lo 0%, ma è collegata ad IWPower che dà il 4%. Anche la promozione non è esaltante, dato che offre il 4,50% contro il 6% delle promozioni di We@Bank e Websella.

Devo dire che quando mi sono reso conto di questo fatto, mi sono un po’ stupito anch’io, dato che per quanto fosse evidente che Conto Arancio non è attualmente la “soluzione migliore” (infatti al momento ho meno di 1 Euro in deposito…), non lo era altrettanto il fatto che quella di ING è oggi un’offerta che mi verrebbe da definire “fuori mercato”.

Tanto più che stiamo parlando di un conto di deposito, da cui ci si aspetterebbe un rendimento superiore a quello di un conto corrente, anche online. Al contrario le altre banche offrono tutte qualcosa di più, e spicca in particolare il 3,90% di We@Bank, quasi un punto in più di Conto Arancio. Certo, ci sono degli elementi da non trascurare: ad esempio, Fineco in realtà dà lo 0,25% sui primi 2.000 Euro, e il 3,25% solo sui successivi, IWBank in realtà dà lo 0% e il 4% si ha solo sul deposito su IWPower. O anche il fatto che spesso negli altri casi il tasso viene applicato solo fino ad una certa cifra. Ma ripeto, si tratta di conti correnti, ci può anche stare.

Un’altro limite di Conto Arancio è la capitalizzazione annuale, mentre tutti gli altri la fanno trimestralmente (con l’eccezione di IWPower dove è addirittura mensile). Per carità, non è una grossa perdita in termini di “interessi sugli interessi”, però in termini di liquidità sì. Un conto è aspettare gennaio per poter disporre degli interessi maturati, un conto è aspettare al massimo 90 giorni per averli in tasca.

Banche e Risparmio [http://www.banknosie.com]

Comments

Comments are closed.