0 Flares 0 Flares ×

Oggi un’altra “recensione”. Come al solito, vi invito a considerare le mie sono opinioni personali, il mio punto di vista (se qualcuno vuole critirare, integrare o correggermi, fatelo senza problemi!!).

Allora, parliamo di Santander Consumer Bank (http://www.santanderconsumer.it), probabilmente molto meno noto rispetto a Conto Arancio di cui abbiamo già parlato: comprensibile dato che la pubblicità che Santander fa a questo servizio è molto minore. Non credo ci siano pubblicità in televisione, forse qualcosina sui giornali e su Internet, ma comunque assolutamente marginale rispetto alla campagna pubblicitaria che effettua ING.

Santander Consumer fa capo a Grupo Santander, gruppo bancario spagnolo, uno dei più grandi in Europa (attualmente il terzo come dimensioni). Il conto di deposito è probabilmente oscurato, almeno questa è la mia impressione, dal fatto che Santander Consumer è più interessato ad offrire credito al consumo e piccoli prestiti piuttosto che proporsi come “raccoglitore di depositi”. Inoltre credo che non promuovano il conto di deposito anche per non andare ad infastidire le banche tradizionali in cui possiedono quote di partecipazione.

Eppure, a mio parere il Conto di Deposito di Santander Consumer Bank è un servizio molto interessante, che personalmente giudico più conveniente di Conto Arancio (almeno, se uno non è interessato ai servizi complementari di quest’ultimo, Investimenti Arancio).

Bene, andiamo con la sintesi:

Vantaggi

  • Tassi di interesse molto interessanti (3,50% lordo, contro il 3% di Conto Arancio)
  • Capitalizzazione trimestrale degli interessi (cioè vengono pagati ogni tre mesi anziché ogni 12: di conseguenza il tasso effettivo è maggiore di quello nominale, perché si generano anche interessi sugli interessi, inoltre può essere comodo che gli importi che vengono maturati diventino disponibili in tempi abbastanza brevi)
  • Vi sono promozioni anche per chi è già cliente, e non solo per i nuovi entranti. Attualmente per tutte le nuove somme versate rispetto al saldo contabile al 28 febbraio, fino a 50.000 euro, si applicherà il tasso “bonus” del 4,35% lordo. Ora, raramente le offerte promozionali portano vantaggi sostanziali (questo non vale solo per Santander, che anzi è stato forse l’eccezione con il suo “6% per 6 mesi”), però sembra dimostrare comunque un approccio di attenzione anche a chi è già cliente.

Svantaggi

  • Come ho già detto, il conto di deposito è un po’ oscurato dagli altri servizi offerti, e questo può rendere un po’ meno immediato il reperimento di informazioni.
  • L’interfaccia del servizio potrebbe essere più curata, rendendosi più usabile e user-friendly. E anche più rassicurante: il sito è certamente sicuro, ma se ne fosse data maggiore evidenza non sarebbe male, soprattutto a favore degli utenti poco esperti di informatica.
  • La gestione dei trasferimenti di denaro tra il conto di deposito e il conto corrente presso la propria banca è un po’ macchinoso, dato che va fatto tramite bonifici in cui vanno inseriti manualmente i dati: l’approccio di Conto Arancio è più semplice per l’utente, che deve solo premere un bottone (ok, più la conferma…) per effettuare l’operazione, minimizzando i rischi di errori di digitazione (che magari non causerebbero l’accredito ad estranei, però impedirebbero l’operazione).

Altre considerazioni

  • Viene data una carta (circuito Cirrus) per il prelievo dagli sportelli bancomat. Può essere un vantaggio perché si può accedere al capitale del conto di deposito in modo veloce. Io personalmente preferirei non fosse possibile, perché renderebbe il conto più sicuro (certo, le possibilità che ti clonino la carta sono minime, ma…).
  • Non è chiarissimo se i trasferimenti di denaro possono essere fatti solo da e verso il proprio conto corrente o anche verso altri: per vale la stessa considerazione di prima, io preferirei di no, perché “blinderebbe” il conto e garantirebbe la massima sicurezza, anche se ovviamente può risultare scomodo in alcuni contesti.

Banche e Risparmio [http://www.banknosie.com]

Comments

Comments are closed.